Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca

Servizi per l’infanzia, «Le realtà associative non possono sostituirsi agli asili»

Due associazioni sanzionate nel territorio della Valnure e della Valchero dagli agenti dell’Unione e dall'Ausl negli ultimi mesi

Tra l’ingente mole di attività svolta nel 2020 dalla Polizia Locale dell’Unione Valnure e Valchero c’è anche quella di controllo dei servizi per l’infanzia. Sono stati programmati, nel corso dell’anno contrassegnato dalla pandemia, specifici controlli ai centri estivi, agli asili (nido e non) ed altre realtà associative che sono impegnate a vario titolo nel settore. È stato affrontato – si legge nel report redatto dall’Unione - il tema dei servizi per l’infanzia erogati sul territorio dei cinque comuni dell’Unione (Vigolzone, Podenzano, San Giorgio, Carpaneto e Gropparello) collaborando con i servizi sociali dei rispettivi enti. I controlli riguardavano soprattutto le misure anti-contagio legate al Covid.

Nell’autunno sono invece state effettuate verifiche ad alcuni servizi per la prima infanzia presenti sul territorio, riscontrando irregolarità. La Polizia Locale si è trovata costretta a sanzionare due strutture. «Li definirei dei pseudo-asili – si limita a dire al riguardo il comandante Paolo Giovannini -. Ovvero delle realtà associative che ospitavano i bambini e poi li tenevano per tutta la giornata, sia in una sede che in abitazioni private. Non possono diventare a tutti gli effetti degli asili, dovrebbero essere autorizzati a farlo». Sono così scattati dei provvedimenti in accordo con l’Ausl di Piacenza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servizi per l’infanzia, «Le realtà associative non possono sostituirsi agli asili»

IlPiacenza è in caricamento