Seta, l'assemblea dei soci ha nominato il nuovo Cda

Il nuovo Cda è composto da Vanni Bulgarelli (Presidente), Daniele Caminati, il piacentino Massimo Garibaldi, Giuseppina Gualtieri e Fabio Teti. Resterà in carica fino all'approvazione del bilancio d'esercizio 2017. Nominato anche il nuovo Collegio Sindacale

Si è tenuta questa mattina presso la sede di Modena l’assemblea dei soci di Seta spa, convocata per procedere al rinnovo del Consiglio di Amministrazione. In apertura di assemblea Pietro Odorici, Presidente ed Amministratore Delegato uscente, ha espresso il proprio ringraziamento ai soci per la fiducia ed il supporto dimostrati nel corso del suo mandato, ed ha poi formulato i migliori auguri di buon lavoro ai componenti del nuovo Consiglio di Amministrazione, che resterà in carica fino all’approvazione del bilancio d’esercizio 2017.

L’assemblea ha quindi proceduto alla nomina dell’organo amministrativo dell’azienda, che come previsto dallo Statuto societario è composto da 5 membri: 3 nominativi sono stati indicati dai soci pubblici, gli altri 2 dal socio privato Herm Srl. Gli Enti pubblici modenesi hanno nominato come consigliere Vanni Bulgarelli che, in conformità a quanto previsto dallo Statuto, ha assunto la presidenza della società. Gli altri due componenti del Cda di nomina pubblica sono Daniele Caminati (in rappresentanza di Reggio Emilia) e Massimo Garibaldi (per i soci pubblici di Piacenza). Il Consiglio di Amministrazione di Seta è completato dai due componenti indicati da Herm srl: Giuseppina Gualtieri (Presidente ed Amministratore Delegato di Tper Spa) e Fabio Teti (Direttore dell’area Amministrazione, Controllo e Sviluppo commerciale di Tper Spa). Nel corso della prima riunione del nuovo Consiglio di Amministrazione verranno stabilite le ulteriori deleghe operative.

L’assemblea dei soci ha inoltre provveduto a nominare i componenti del Collegio Sindacale: alla presidenza è stato nominata la dott.ssa Anna Maria Nigro, i componenti in qualità di sindaci effettivi sono il dott. Davide Cetti ed il piacentino dott. Paolo Rezoagli. I sindaci supplenti sono il dott. Federico Bacchiega ed il dott. Valentino Di Leva. Tutti i soci presenti hanno espresso voto favorevole alla nomina dei componenti il Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale, ad eccezione del rappresentante del Comune di Vignola che ha espresso voto contrario. L’Assemblea ha quindi deliberato i compensi spettanti ai componenti del Consiglio di Amministrazione, confermando gli stessi importi già in essere per il Cda uscente: al Presidente del Consiglio di Amministrazione è riconosciuta un’indennità fissa massima di 51.163,44 euro lordi annui ed una indennità di risultato massima non superiore a € 13.381,21  lordi annui; a ciascun Consigliere di Amministrazione viene riconosciuto un compenso fisso di 10.189,65 euro lordi annui, oltre al gettone di presenza pari ad € 150,00  per ogni seduta del Consiglio di Amministrazione.

Il sindaco Dosi e il vice Timpano sull’assemblea di Seta: “Come Amministrazione Comunale ci siamo assunti maggiori responsabilità per favorire il trasporto pubblico”

In merito all’assemblea di Seta di stamani che ha ratificato le nomine effettuate dai soci per il Consiglio di amministrazione con il nuovo presidente Bulgarelli, espressione degli enti locali modenesi, la conferma dei consiglieri Massimo Garibaldi per il Comune di Piacenza e Daniele Caminati in rappresentanza del Comune di Reggio Emilia con l'ingresso di due nuovi rappresentanti per il socio Herm (oggi di maggioranza Tper) Giuseppina Gualtieri e Fabio Teti, il sindaco Paolo Dosi e il vicesindaco Francesco Timpano sottolineano quanto segue: “Tra le decisioni più importanti vi è quella di dare un mandato di governo all’intero Consiglio di amministrazione, rinunciando all’individuazione di un amministratore delegato per rafforzare il ruolo dei territori che potranno esprimersi al meglio sia nell’Assemblea e, tramite i propri consiglieri, anche all’interno del Consiglio di amministrazione”. A margine dell’assemblea, alla quale ha partecipato il Vicesindaco Timpano in qualità di assessore alle partecipate, sindaco e vicesindaco aggiungono: “Si conclude in modo positivo un periodo difficile di transizione nella governance di Seta e le tensioni di questi mesi si sono risolte in modo positivo. E' stato posto un tema secondo il quale i territori abbiano un ruolo più incisivo e, nello stesso tempo, è stato deciso di procedere decisamente verso il perfezionamento del processo di fusione tra i diversi bacini”.

Proseguono: “Il trasporto pubblico locale vive un momento difficile: la riduzione delle risorse nazionali è stata in questi anni compensata da una politica regionale positiva che pone al centro dell'attenzione il trasporto pubblico locale, si vive però sempre in una situazione di difficoltà, perché gli investimenti si possono assicurare solo a seguito di gestioni virtuose. Il territorio piacentino si è espresso in questi anni in termini di responsabilità, che è un comportamento dovuto sia verso gli utenti che verso i lavoratori di Seta. Abbiamo inoltre assicurato le risorse – da quest'anno con il coinvolgimento attivo dei Comuni della provincia che ringraziamo insieme al consigliere provinciale Quintavalla, il quale ha promosso questo coinvolgimento; siamo inoltre stati in grado di migliorare il parco dei mezzi la cui età media è diminuita introducendo inoltre tecnologia sugli stessi. Vi sono dei problemi ancora su cui rafforzare l'intervento – proseguono -  tra questi in primis quello della sicurezza, per migliorare la qualità del servizio. Stiamo perfezionando un accordo tra enti locali con Modena e Reggio per affidare al nuovo Consiglio il compito di costruire un buon piano industriale, che tenga conto dei vincoli ma che sia anche in grado di scommettere sul futuro”. Concludono Dosi e Timpano: “In questo modo ci prendiamo ancora di più le nostre responsabilità sul trasporto pubblico, tenendo conto che il futuro sarà caratterizzato dalla necessità di promuovere la nuova gara che permetterà di migliorare l'assetto del trasporto nella nostra provincia. Questo processo si inserirà nel contesto delle trasformazioni istituzionali in atto, per cui i bacini di programmazione si modificheranno e supereranno le logiche delle vecchie province. Siamo pronti anche per questo ed agiremo sempre con l'obiettivo di migliorare il servizio per i cittadini, in un periodo in cui il trasporto pubblico locale vive una fase di difficoltà e di trasformazione rilevante di cui tutti dobbiamo essere consapevoli”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Piacenza usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento