Il Comune sfratta l'Associazione Pendolari dalla sede di piazzale Marconi

'Un provvedimento che sembrerebbe avere un carattere punitivo' così Andrea Pollastri (Pdl) commenta la notifica dello sfratto all'Associazione Pendolari dalla sede di Piazzale Marconi da parte del Comune

"Un provvedimento che sembrerebbe avere un carattere punitivo" è, per Andrea Pollastri (Pdl), quello con cui l’Amministrazione Comunale di Piacenza ha notificato lo sfratto all’Associazione Pendolari dalla attuale sede, sita in piazzale Marconi.

"Questi locali, di proprietà comunale, furono concessi a titolo gratuiti dall’allora Sindaco Gianguido Guidotti nel 1997. Lo sfratto, deciso già a fine 2010, è legato al fatto che il Comune ha deciso di obbligare l'Associazione a dividere la sede con l'Unione Pendolari, nata da una scissione dall’Associazione e numericamente inferiore ma politicamente vicina all’Amministrazione Reggi".

MANCANZA DI MOTIVAZIONI - E continua: "La mancanza di motivazioni oggettive - spiega il Consigliere Regionale - e soprattutto la mancanza di una soluzione alternativa trasmettono un'idea di fondo: Reggi ha scelto di compiere contro l'Associazioni un atto arbitrario e non è interessato al futuro dell’Associazione stessa. Probabilmente il Sindaco non ha gradito le forti prese di posizione dell’Associazione che, essendo apolitica, non ha esitato a far valere le proprie rimostranze quando percepiva che l'Amministrazione non scendeva in campo in prima persona contro Regione e Trenitalia a difesa delle richieste dei pendolari o, ancor peggio, prendeva decisioni punitive nei confronti dei pendolari, come la riduzione dei parcheggi o la recente messa a pagamento del deposito delle biciclette".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

'REGGI SA CHE VALORE HA L'ASSOCIAZIONE?' - E conclude: "Non essendo, però, per definizione, la cosa pubblica una cosa privata, le antipatie e le ripicche personali non dovrebbero trovare posto nelle decisioni che l’Amministrazione: il Sindaco deve trattare nello stesso modo gli amici ed i nemici. Piuttosto, invece, Reggi dovrebbe dire se, al pari del suo predecessore Guidotti, riconosce o meno il valore sociale e di rappresentanza che ha l’Associazione Pendolari: in quel caso va riconosciuto loro uno spazio gratuito, così come per altro avviene da quattordici anni. In caso contrario lo dica espressamente ed i pendolari faranno le loro valutazioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 29 anni travolto da un furgone pirata

  • Un 28enne di Cadeo la vittima del tragico incidente a San Giorgio. E' caccia al furgone bianco

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento