menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La coppia. Nell'articolo l'avvocato Andrea Perini

La coppia. Nell'articolo l'avvocato Andrea Perini

Sgozzò la moglie, il marito rinviato a giudizio per omicidio volontario

Omicidio Damia El Essali. Il marito Abdelkrim Foukahi, accusato di averla sgozzata, sarà processato in corte d'Assise il 23 aprile

Omicidio Damia El Essali. Abdelkrim Foukahi, il marito, accusato di averla sgozzata, sarà processato in corte d'Assise e la prima udienza si terrà il 23 aprile. La data è stata fissata nella mattina dell'11 gennaio alla presenza del gup Luca Milani e del pm Emilio Pisante.  L'uomo è accusato di omicidio volontario aggravato: ha ucciso la moglie l'8 maggio 2019 nella loro abitazione, per poi scappare con i figli. Era stato bloccato qualche ora dopo in autostrada. La Corte costituzionale ha giudicato infatti "non fondato" il ricorso presentato dall’avvocato Andrea Perini (che lo aveva preparato con il collega Massimo Burgazzi, poi scomparso a causa del Covid). I legali piacentini avevano presentato rilievi sull’incostituzionalità della legge 33 del 2019, la quale prevede che non si applichi il giudizio abbreviato ai delitti puniti con la pena dell’ergastolo. 

Andrea PeriniAlla richiesta del difensore, si era associato anche il pm Emilio Pisante. Secondo Perini e Burgazzi, negare il rito alternativo per quel delitto significa violare il principio della presunzione di innocenza e tre articoli della Costituzione: il 3 (uguaglianza davanti alla legge), il 27 (disparità di trattamento) e il 111 (giusto processo). La Corte costituzionale ha giudicato “non fondato” il ricorso e il caso è ritornato sul tavolo del gup.  Delle quattro decisioni che la Corte poteva prendere - ricorso fondato, non fondato, manifestamente infondato e inammissibile - ha deciso per quella che riconosce la bontà della scelta politica. Questo significa che, in futuro, la norma possa ancora essere modificata da un’altra legge. Quella varata dal Governo Conte I, e voluta con forza dalla Lega, resta dunque valida per i reati particolarmente gravi ed efferati. Niente rito abbreviato né sentenza con lo sconto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento