Si Cobas contro Usb: «Alla Gls aggrediti nostri iscritti, non ci faremo intimidire»

E' guerra tra i due sindacati

«Il Si Cobas piacentino esprime rabbia e sdegno per quanto avvenuto nella giornata di giovedì 8 marzo alla Gls di Montale. Uno sparuto gruppo di persone rappresentanti del sindacato Usb ha fatto invasione nel magazzino aggredendo violentemente alcuni nostri aderenti per poi inscenare una protesta barricandosi sul tetto del magazzino». Si legge in una nota ufficiale del sindacato autonomo. 

«Si tratta - dichiarano - della seconda provocazione in una settimana, dopo quella avvenuta lunedì davanti al magazzino “Leroy Merlin” di Castelsangiovanni ma questa volta, come già avvenuto in passato, gli aderenti a Usb non si sono fatti problemi ad utilizzare la violenza verso altri lavoratori secondo loro colpevoli di non essere d'accordo con loro. La cosa non stupisce: a guidare il manipolo è infatti un personaggio ben noto, che provvedemmo ad espellere dal Si Cobas nel 2015 per indegnità morale e che da allora vanta una denuncia per tentato omicidio da parte di un lavoratore Gls che aggredì con armi improprie mandandolo in coma. Dopo la nostra espulsione, il suddetto personaggio ha girovagato una serie di sigle sindacali transitando per la Cgil fino al venir arruolato in Usb. Usb, forse per disattenzione o forse per interesse, non si è fatta problemi ad arruolarlo pur consapevole dei suoi poco onorevoli precedenti». 

«Ciò che colpisce e mortifica è la disparità di pesi e misure: quando i lavoratori del Si Cobas inscenano un picchetto per reclamare i loro diritti vengono subito colpiti con botte e denunce, mentre se l'Usb adotta metodi squadristi (strumentalizzando dei lavoratori disperati) per pretendere dalle varie aziende l’assunzione del proprio circondario di amici e parenti si tende da parte delle istituzioni a chiudere un occhio incentivando lo scontro tra sindacati di base. Questo utilizzo con finalità caporalesche del sindacato insudicia la lotta sindacale stessa e diseduca i lavoratori spingendoli verso valori opportunisti piuttosto che di solidarietà come da noi promosso. Non stupisce che a supporto di tali pratiche si spendano alcune figure legate a partiti della "sinistra" piacentina che, evidentemente non paghi del lavoro di distruzione operato sul piano politico, vorrebbero intaccare anche il bastione di diritti costruito in questi anni dalla classe operaia organizzata nelle file del Si Cobas con sangue e sudore».

«Ma la nostra forza e il nostro radicamento sono tali che non ci faremo intimidire né a Gls né a Leroy Merlin, respingendo con tutta la nostra forza il tentativo di piegare a interessi personalistici o di casacca la sacrosanta lotta per la difesa delle condizioni salariali e dignità. Chi vorrebbe fomentare la guerra fra poveri troverà sempre nel Si Cobas un bastione inespugnabile con cui fare i conti» conclude la nota. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

  • Animale sulla strada, si ribalta con l'auto in un campo: ferito

Torna su
IlPiacenza è in caricamento