menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alcuni lavoratori davanti a Traconf

Alcuni lavoratori davanti a Traconf

Si Cobas: «Traconf rischia una mobilitazione nazionale»

«Il Si Cobas piacentino denuncia con forza quanto sta avvenendo all’interno del magazzino Traconf di Piacenza, da mesi al centro delle nostre agitazioni in conseguenza agli atteggiamenti antisindacali della fornitrice di manodopera. SP Log, che opera all’interno del magazzino, rifiuta infatti di pagare gli assegni famigliari e di effettuare le relative detrazioni, arrivando a sostenere nei giorni scorsi davanti al prefetto che essi sono “recuperabili” al momento della dichiarazione dei redditi». Scrive in una nota il sindacato.

«Un’alzata di spalle intollerabile di fronte a quello che dovrebbe essere un loro dovere, che non tiene minimamente in considerazione le spesi correnti delle famiglie. Si intensificano anche gli atteggiamenti persecutori all’interno del magazzino: i lavoratori e le lavoratrici sono stati più di una volta aspettati e ripresi all’uscita dei bagni, dove per potersi recare devono ogni volta chiedere permesso ai responsabili. Fra Si Cobas e Traconf  - prosegue - esiste un accordo nazionale, ed anche in vigore di ciò il sindacato ha aspettato per oltre tre mesi che la situazione si sbloccasse, ma il persistere di questi atteggiamenti antisindacali ha reso obbligata l’apertura della procedura di stato di agitazione».

«Qualora SP Log non si decida a cambiare atteggiamento e a smetterla di perseguitare i nostri aderenti con continue lettere di richiamo e provvedimenti disciplinari, ci troveremo costretti ad aprire una mobilitazione sul piano nazionale contro i magazzini Traconf, investendoli con tutta la forza recentemente messa in campo contro altri operatori del settore (si pensi a Gls) e rivelatasi in grado di ricondurre a più miti consigli anche grandi multinazionali operanti sul nostro territorio. La dignità dei lavoratori e l’agibilità sindacale sono conquiste portate dal Si Cobas a tutte e tutti i lavoratori e le lavoratrici della logistica, e costituiscono un punto rispetto al quale non si può indietreggiare».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Il giardino di via Negri è un ritrovo di spacciatori»

Attualità

"Paga per sbloccare il pacco": attenzione alla nuova truffa via sms

Attualità

Inps: «Nuovo tentativo di truffa tramite e-mail»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento