Si è costituito il conducente che ha travolto e ucciso Andrea Ziotti

L’uomo alla guida del furgone si è presentato nelle scorse ore presso la caserma dei carabinieri di Carpaneto. È stato denunciato per omicidio stradale e omissione di soccorso, indagata anche la giovane alla guida dell'auto che seguiva il mezzo che potrebbe aver colpito a sua volta il giovane

La vittima e il luogo del tragico incidente

Non si sarebbe accorto di aver travolto Andrea Ziotti ma avrebbe detto di aver sentito un colpo e poi di essersi fermato diversi metri dopo per controllare il mezzo: il furgone che guidava, un Ducato bianco, non aveva segni sulla carrozzeria e quindi avrebbe proseguito la marcia. Durante la giornata però ha letto cosa era successo sui quotidiani on line in quel punto della strada a San Giorgio e che forse poteva essere stato lui a colpire il ragazzo. Nella mattinata del 31 ottobre si è quindi presentato alla caserma dei carabinieri di Carpaneto di fatto costituendosi e così ora un operaio di 58 anni piacentino è stato denunciato a piede libero per omicidio stradale e omissione di soccorso. Con lui è indagata anche la 27enne che seguiva il furgone e che guidava una Renault Kadjar. La giovane potrebbe aver colpito a sua volta il giovane perché impossibilitata a fare altro, non sarebbe forse riuscita a sterzare in tempo. Per lei l'accusa è solo di omicidio stradale come atto dovuto e non omissione di soccorso perché per prima ha chiamato il 118 chiedendo aiuto. I sanitari purtroppo hanno solo potuto constatare il decesso del 28enne di Cadeo. L'impatto, all'altezza del Conad di San Giorgio, era stato purtroppo fatale. La giovane è stata immediatamente sottoposta agli esami tossicologici ed è risultata negativa. La vicenda è seguita dal pm Antonio Colonna che ha avviato una serie di accertamenti sulla dinamica dell’incidente. La procura di Piacenza potrebbe disporre delle perizie tecniche per ricostruire la dinamica dell’investimento del 28enne. L'autopsia, che si svolgerà nei prossimi giorni, chiarirà le cause esatte della morte di Andrea definendo le posizioni del 52enne e della 27enne. Subito dopo l'incidente i carabinieri avevano immediatamente avviato le indagini per cercare il furgone pirata visionando i video delle telecamere di sorveglianza sia private sia quelle in carico alla poliza locale dell'Unione Valnure-Valchero che si trovavano in zona. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento