Si pente della droga e in confessione ne lascia un chilo e mezzo al parroco

Durante la confessione, coperta dal segreto, una persona ha consegnato al parroco di Borgotrebbia un chilo e mezzo di marijuana: si era pentito. Il don ha chiamato il 113 e la droga è stata sequestrata dagli agenti della squadra mobile. Le indagini sono in corso

La marijuana sequestrata dalla polizia

Poteva distruggerla o buttarla invece l'ha consegnata al prete che lo stava confessando: si era pentito e quel chilo e mezzo di marijuana non voleva più tenerlo. E' accaduto nella mattinata del 13 ottobre a Borgotrebbia. Dopo la messa domenicale una persona ha cercato don Pietro Cesena per confessarsi e si è liberato dal peso morale e anche fisico che evidentemente non sopportava più e ha consegnato al parroco un chilo e mezzo di marijuana contenuta in un sacco nero di plastica. Don Pietro ha poi chiamato il 113. Sul posto sono arrivate le volanti della polizia e gli agenti della squadra mobile che l'hanno sequestrata. La procura ha aperto un fascicolo contro ignoti e le indagini sono in corso. Lo stupefacente avrebbe fruttato circa 2mila dosi per quasi 20mila euro di guadagno. Ovviamente il nome del peccatore ravveduto è invece protetto dal segreto del confessionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Falciata mentre soccorre un automobilista, grave una ragazza

  • Dal Po affiora un cadavere nella diga di Isola Serafini

  • Sfigurata nello scontro mortale, per il riconoscimento servirà il test del Dna

  • Si ustiona con una pentola d'acqua bollente, gravissima

  • Furgone centrato da un'auto travolge un ciclista e si schianta contro un muro: tre feriti

  • Con il tir sfonda il guard rail e precipita dal viadotto nel deposito Seta: è grave

Torna su
IlPiacenza è in caricamento