Si sente male alla stazione di Piacenza: nello stomaco, 15 ovuli di coca purissima

Sul mercato avrebbero fruttato almeno 100mila euro, quei 15 ovuli di coca purissima nascosti nello stomaco del corriere. Ma lui, un senegalese 30enne, in viaggio sul treno per Milano, si è sentito male e a Piacenza è dovuto scendere. Ora sta bene, ma la Polfer lo ha arrestato: rischia la condanna per traffico di droga

zone-stazione-1 Aggiornamento della Redazione del 21 luglio 2009, ore 11.55
La Polfer ha effettuato dei controlli in stazione e ha notato una persona molto distinta che da subito ha mostrato una certa fretta e riluttanza nel collaborare con gli agenti. Sudava, non voleva mostrare i documenti, diceva di dover subito riprendere il treno, si è rifiutato anche di aprire la valigetta che aveva con sé. Gli agenti gli hanno intimato di seguirlo in ufficio per alcuni accertamenti. L'uomo era in possesso di una carta di soggiorno spagnola; nella valigetta, biglietti aerei dall'Olanda, dalla Spagna e Venezia già utilizzati e un verbale di controllo in frontiera con esito negativo per quanto riguarda il trasporto di stupefacenti. Al magistrato gli agenti hanno chiesto di sottoporre il soggetto a radiografia. Gli ovuli sono 25, per un totale di 300 grammi. Sono stati tutti sequestrati. Si tratta di cocaina purissima di ottima qualità - come ha stabilito il gabinetto di polizia scientifica di Piacenza e ancora da tagliare. Valore: 30mila euro, contro i 18 – 24 mila, massimo, di un'analoga quantità di coca più scadente. Gli ovuli erano confezionati secondo una nuova tecnica e una plastica che resiste agli acidi dello stomaco. L'uomo si trova in carcere, con l'accusa di detenzione di droga ai fini di spaccio. Sono in corso le indagini per stabilire se l'uomo fosse un corriere e per conto di chi stesse lavorando.

Nello stomaco aveva una quindicina di ovuli di cocaina purissima - in tutto circa un etto e mezzo di sostanza stupefacente - per un valore di almeno centomila euro. E' un corriere della droga quello arrestato ieri pomeriggio in stazione a Piacenza dalla polizia ferroviaria. Gli agenti hanno infatti notato un uomo che non si sentiva bene lungo il binario, ma una volta in ospedale, grazie a una banale radiografia, si è scoperto che aveva nello stomaco ovuli di droga: una tecnica notoriamente utilizzata dai trafficanti per eludere i controlli, ma che può causare anche la morte di chi li trasporta nel caso uno si rompa.

A finire in manette - fortunatamente per lui sano a salvo una volta "espulsa la droga" - è stato un senegalese 30enne che ieri pomeriggio stava viaggiando verso Milano in treno, ma all'improvviso si è sentito male ed è dovuto scendere a Piacenza a causa dei crampi allo stomaco. Ora è in carcere in attesa della convalida da parte del gip, e rischia addirittura l'accusa di traffico di sostanze stupefacenti.
  E' bastata una radiografia in ospedale per scoprire gli ovuli di cocaina nello stomaco  

Erano circa le 18 quando lo straniero è sceso di corsa dal treno diretto verso Milano sul quale stava viaggiando, e che era fermo in stazione a Piacenza. Alcuni agenti della polizia ferroviaria, che stavano pattugliando il binario, lo hanno notato e gli hanno chiesto se gli occorresse per caso aiuto. Lo straniero ha però avuto una reazione aggressiva verso i poliziotti, i quali hanno sospettando che forse stava nascondendo qualcosa. Quando lo hanno portato in ospedale, dalla radiografia è emerso ciò che il 30enne voleva nascondere: la droga che aveva ingoiato per poterla trasportare indisturbato verso Milano, dove probabilmente lo attendeva qualcuno. In tasca aveva inoltre circa tremila euro in contanti che la polizia sospetta siano il compenso per il lavoro di fattorino che doveva eseguire.

Per evitare che uno degli ovuli si rompesse nel suo stomaco, provocandone la morte immediata, i sanitari dell'ospedale hanno subito fatto in modo che le capsule di droga venissero espulse e recuperate dalla polizia. Il senegalese è invece finito dritto alle Novate, ma fortunatamente per lui le sue condizioni non sono preoccupanti. La droga si stima che abbia un valore di almeno 100mila euro.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ha una relazione con l'allieva, lei lo perseguita e lui la denuncia per stalking

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento