Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

«Grazie a sanitari e collaboratori della polizia di Stato per l'impegno professionale e umano»

Il sindacato di polizia Siap di Piacenza: «Ringraziamento per il lavoro costante che hanno effettuato a salvaguardia degli operatori di polizia e dei famigliari»

«In questo periodo di emergenza - in un ambiente lavorativo come il nostro in cui le esigenze dei cittadini sono al primo posto - dopo aver ringraziato in questi giorni le autorità istituzionali, l’Ausl piacentina, la politica, gli imprenditori e semplici cittadini che ci hanno aiutato nelle diverse forme, mi sia concesso ringraziare i sanitari della polizia di Stato e i loro collaboratori, per il lavoro costante che hanno effettuato a salvaguardia degli operatori di polizia e dei famigliari». Lo scrive in una nota il segretario provinciale del sindacato di Polizia Siap di Piacenza, Sandro Chiaravalloti.
«Certo - scrive - in questa emergenza avrei preferito una tempestività diversa, ma non è dipeso da questa provincia, ma comunque gli uffici sanitari hanno contribuito per quanto era possibile fare anche sul sostegno personale e famigliare, dando più di quello che comporta il dovere istituzionale. Il Siap più volte ha proposto e sollevato questioni che hanno trovato sempre ascolto e soluzioni con i sanitari, ma va ricordato giustamente che ciò è avvenuto anche con ogni capo ufficio della polizia di Stato: Scuola Allievi agenti, Stradale, Polizia ferroviaria e Postale ma, in particolare, con il questore Ostuni con il quale ci confrontiamo giornalmente, anche attraverso il suo capo di gabinetto. Dialoghi che ci hanno permesso di tutelare i colleghi e le loro famiglie.    

In tutto questo, tra l’altro, presso la scuola Allievi Agenti, quando è stata istituita la zona rossa nel Lodigiano, è stato istituito un centro Centro Operativo Sanitario dove ogni collega proveniente dall’Emilia Romagna, Toscana e Lombardia, per prestare servizio di vigilanza del territorio della zona rossa, a fine turno veniva visitato, e nel caso isolato presso la stessa Scuola Allievi Agenti che ha ospitato anche colleghi che hanno fatto richiesta per non mettere in pericolo le loro famiglie e hanno ospitato personale sanitario dell’ospedale civile piacentino». 
«Attualmente - conclude - sono stati effettuati ai colleghi sintomatici, oltre a quelli effettuati direttamente dall’Ausl, un numero significativo di tamponi, e da giorni circa quaranta test sierologici con precedenza ai colleghi che espletano servizio operativo, e circa dieci test rapidi. Un lavoro che sta proseguendo e che speriamo, come da noi richiesto, venga esteso alle famiglia dei colleghi. Un lavoro immenso certamente da perfezionare quello dei sanitari e dei loro collaboratori, un lavoro di squadra per il quale, a nome di tutto il siap Piacentino, ci sentiamo ringraziare professionalmente e soprattutto umanamente»

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Grazie a sanitari e collaboratori della polizia di Stato per l'impegno professionale e umano»

IlPiacenza è in caricamento