Festival del Diritto, «Preziosa occasione di riflessione su noi stessi»

Il sindaco Paolo Dosi presenta l'edizione 2014 del Festival organizzato dal Comune con l'editore Laterza. L'evento è in programma dal 25 al 28 settembre e avrà come tema "Partecipazione/esclusione". Tra gli ospiti Pietro Grasso, Cecilie Kyenge, Dario Franceschini, don Luigi Ciotti, Bianca Berlinguer

Il sindaco Dosi con Stefano Rodotà

Il presidente del Senato Pietro Grasso, il ministro della cultura Dario Franceschini, l’europarlamentare Cecilie Kyenge, la direttrice del Tg3 Bianca Berlinguer, Don Luigi Ciotti, il politologo Ilvo Diamanti, l’ex ministro Francesco Profumo. Questi i nomi più conosciuti dei tantissimi ospiti presenti in città dal 25 al 28 settembre 2014 per la settima edizione del Festival Del Diritto, organizzato dal Comune di Piacenza con l’editore Laterza.

SCARICA IL PROGRAMMA COMPLETO DEL FESTIVAL 2014

«Grazie alla presenza di illustri docenti, esperti e studiosi – presenta l’edizione 2014 in una nota il sindaco di Piacenza Paolo Dosi - unitamente alla partecipazione delle tante realtà associative, economiche, culturali e scolastiche piacentine, il Festival del Diritto rappresenta una preziosa occasione per riflettere su noi stessi, per interrogare il nostro presente e provare a costruire un futuro migliore, soprattutto per le nuove generazioni. Saranno quattro giorni di studio, di importanti dibattiti e di approfondimenti coordinati da Stefano Rodotà, responsabile scientifico della prestigiosa iniziativa, che coinvolgeranno i relatori, il pubblico e la città intera in uno scambio di idee, opinioni e riflessioni su un tema di grande attualità, così importante e dibattuto nell’epoca contemporanea. Si parlerà di diritto di cittadinanza, di controllo democratico dei poteri finanziari, di lotta per i diritti come forma di partecipazione, di volontariato e terzo settore, di ambiente e beni comuni, di esclusione e degli strumenti per combattere la solitudine sociale. Si affronteranno i temi della rappresentanza e delle sue diverse forme, della crisi dell’autorità, del peso delle lobbies e dei poteri opachi, in un periodo di grave incertezza economica e di crisi occupazionale, soprattutto per i giovani, che indebolisce il tessuto sociale e allarga la forbice delle disuguaglianze: il rilancio dell’Europa passa anche e soprattutto attraverso l’affermazione dei diritti alla salute, all’istruzione e al lavoro, senza i quali parole come comunità, solidarietà e coesione sociale suonano vuote, retoriche e incomprensibili».

«Anche quest’anno – dichiara il primo cittadino - grazie al lavoro di associazioni, categorie professionali, scuole e realtà culturali, i temi del programma partecipato arricchiranno il palinsesto del Festival, per offrire uno spazio di riflessione, un luogo di confronto e una preziosa opportunità di crescita culturale. Non mancherà inoltre il coinvolgimento delle testate giornalistiche studentesche piacentine, con i giovani redattori che contribuiranno, con la loro curiosità e voglia di approfondire, alla buona riuscita della manifestazione. L’appuntamento per tutti è quindi dal 25 al 28 settembre, a Piacenza, con l’auspicio che, come negli anni scorsi, migliaia di giovani e di cittadini vorranno partecipare al Festival, affollando le sale e i teatri per gli eventi e gli incontri con i testimoni del nostro tempo su un tema di grande attualità e ricco di spunti di riflessione e di studio».

«Partecipazione e autogoverno – spiegano Stefano Rodotà, responsabile scientifico del Festival del Diritto e Geminello Preterossi, editor - sono le due promesse fondamentali della democrazia moderna. Con la modernità si compie infatti il passaggio da un modello di società tradizionale, fondato su un principio di autorità verticale, a uno pluralista, basato sulla centralità del soggetto e dei suoi diritti. L’autorità deve essere quindi costruita dal basso, lo stesso ordinamento giuridico è il frutto della volontà dei consociati e deve essere in grado di rispondere ai loro bisogni, alle loro istanze di riconoscimento. Questa promessa di partecipazione incide profondamente sul modo di concepire il diritto e sulle sue concrete funzioni. Soprattutto con lo Stato costituzionale di diritto, la democrazia è diventata una forma di legittimazione complessiva dell’ordine, che non si riduce al momento elettorale: l’inclusione attraverso la garanzia dei diritti sociali, il libero associazionismo, la riorganizzazione degli apparati statali secondo principi antiautoritari, la fioritura di nuovi diritti civili hanno allargato e arricchito la nozione di cittadinanza. Partecipare significa essere e sentirsi parte di una comunità aperta, sapere di contare nei processi attraverso cui si prendono le decisioni, poter controllare e mettere in discussione l’esercizio del potere: insomma esercitare una cittadinanza attiva. Naturalmente, non ci si può fermare a queste pur nobili indicazioni normative, ma occorre anche uno sguardo realistico. Pensare che autogoverno possa significare abolizione della distinzione governanti-governati è un’illusione, così come credere che delle classi dirigenti si possa fare a meno (semmai il problema è costituito dalla loro qualità, dai criteri di selezione e apertura). Gli ordinamenti giuridici e i sistemi politici hanno bisogno non solo di partecipazione, ma anche di efficienza. Tuttavia, sarebbe ingannevole pensare che un recupero di autorevolezza ed efficacia delle istituzioni possa passare attraverso una riduzione della discussione, del coinvolgimento della cittadinanza, della rappresentanza effettiva. Credere di risolvere i problemi del tempo presente, che sembrano prefigurare un possibile divorzio tra capitalismo e democrazia e una drammatica crisi di legittimità di quest’ultima, attraverso una strategia riduzionista, tornando a una forma di semplificazione autoritaria della complessità, è non solo pericoloso, ma anche perdente. Proprio se si vogliono realizzare politiche efficaci e dallo sguardo lungo, occorre mobilitare energie, spiegare e convincere, coinvolgere nelle decisioni e nella loro messa in opera, gettare ponti verso la società e i suoi movimenti, non avendo paura di mettere in campo idee ambiziose, socialmente avanzate, in un’ottica di pedagogia reciproca tra istituzioni e cittadini. Oggi il bisogno di partecipazione sta trovando sempre più ostacoli, sia nelle istituzioni pubbliche statali, sia in quelle europee, mentre i poteri economici globali, irresponsabili democraticamente, determinano i destini di intere società. Tendenze oligarchiche e tecnocratiche tornano a riaffermarsi, suscitando la sensazione che i frequenti appelli alla coesione sociale e alla ricostruzione di un legame tra istituzioni e cittadini siano operazioni retoriche, dietro cui si nascondono dinamiche neoautoritarie o comunque una notevole diffidenza rispetto al dissenso e alle istanze critiche dei cittadini. Questo bisogno di prendere parola, di essere parte attiva, serba certamente delle ambivalenze: nella società della comunicazione, è esposto potentemente all’influenza dei media, che non sono solo fonte di informazione, ma alimentano conformismo e consenso facile; inoltre, il carattere sempre più liquido e individualizzato delle società contemporanee, che la tecnologia amplifica, rende difficile assumere impegni duraturi, ponderati, alimentando una sorta di narcisismo di massa. E tuttavia, nel rifiuto della delega, nel volersi esprimere in prima persona, c’è anche la richiesta di una nuova politica del riconoscimento.

Nella partecipazione c’è, inoltre, l’idea di un uso sociale del diritto che ne consenta l’appropriazione dal basso, ritagliato sulle vite incarnate delle persone, e che non ne neutralizzi a priori l’energia positiva, anche se talvolta conflittuale. Ci sono esperienze ed elaborazioni in merito alla democrazia deliberativa e partecipativa che meritano di essere approfondite e valorizzate (sui bilanci, sulle spese sociali, sulla tutela dell’ambiente nei diversi territori, sull’uso delle risorse e sulla tutela dei beni fondamentali anche rispetto alle generazioni future, ecc.). Senza contrapporre la democrazia diretta a quella rappresentativa, senza semplificazioni fuorvianti, ma anche senza chiusure aprioristiche e conservatrici. Certo, occorre un orientamento: e questo è dato dall’antropologia dell’homo dignus, da quei diritti fondamentali – sempre più abbandonati dalla politica – che rappresentano la possibilità concreta di un ordine partecipato. Solo una rinnovata politica costituzionale dei diritti può rigenerare lo Stato sociale democratico e tornare a dare una prospettiva all’Europa che ha smarrito se stessa. Infatti, l’esclusione è l’opposto della partecipazione. Senza una politica dell’inclusione – da un punto di vista sia materiale sia simbolico – non sono soddisfatte le condizioni della cittadinanza democratica. Naturalmente, l’inclusione deve essere il più possibile larga, universalistica. L’opposto delle cittadinanze neocensitarie, o addirittura su base etnica, che la paura e la rabbia indotte dalla crisi e dal fallimento delle politiche d’austerità rischiano di produrre. Partecipazione significa anche trasparenza delle istituzioni e dell’attività amministrativa, ripudio degli arcani imperii. Le opinioni pubbliche sono diventate sensibili al tema, se non altro per il fatto che le nuove tecnologie rendono sempre più difficile una politica del segreto su scala globale, per via della diffusione orizzontale e incontrollabile di informazioni, soprattutto grazie al web. La scienza giuridica ha elaborato con il costituzionalismo strumenti significativi per garantire trasparenza e rispetto dei limiti nell’esercizio del potere. Ma le nuove forme del segreto e dell’arbitrio chiedono una riflessione all’altezza delle sfide di un mondo profondamente interconnesso, nel quale le ragioni della geoeconomia, oltre che quelle tradizionali della geopolitica, condizionano le scelte e gli assetti di potere operando spesso nel retroscena (come dimostrano i recenti casi di spionaggio e violazione della privacy su scala internazionale, anche tra Paesi alleati).  Le cause dell’esclusione sono molteplici, così come gli ostacoli alla partecipazione. Ma ciò vuol dire che certamente non mancano i terreni sui quali una politica del diritto volta a favorire inclusione e partecipazione potrebbe esercitarsi: i luoghi di lavoro, dove il sindacato ha perso rappresentatività e le innovazioni normative sembrano rivelare l’intento d di neutralizzare se non impedire un’effettiva partecipazione dei lavoratori; i luoghi della politica istituzionale, dove si decidono indirizzi di governo, si regolano interessi, si distribuiscono risorse: in essi il peso della rappresentanza generale e del controllo democratico è deperito a favore di quello delle lobbies, delle corporazioni, dei poteri opachi (e questo è uno dei fattori più gravi di inquinamento della vita pubblica italiana); i luoghi dell’impegno pubblico informale, dal volontariato alle battaglie per la tutela dei beni comuni: esperienze e temi ricchi di potenzialità nel senso di un nuovo costituzionalismo che punti sulla qualità della vita e sulla riconversione ecologica dell’economia, ma che si stenta ad assumere nell’agenda pubblica ufficiale; i luoghi della vita, dove i diritti di riconoscimento e di autodeterminazione delle persone aspettano, soprattutto nel nostro Paese, di trovare adeguata tutela generale (si pensi alla questione delle coppie di fatto e dei diritti di genere, ai temi bioetici come la fecondazione assistita e il testamento biologico). Nell’assenza della politica, è inevitabile che la giurisdizione, sulla base dei principi costituzionali, si trovi a svolgere un’opera di supplenza necessaria. Per assicurare un equilibrio tra gubernaculum e iurisdictio, occorre innanzitutto recuperare una forte cultura costituzionale e una capacità di iniziativa politica che non scansi le questioni controverse, né le usi ideologicamente, ma guardi con coraggio alle trasformazioni sociali e culturali in atto. Il Festival del Diritto di Piacenza ha tra i suoi tratti distintivi quello di aver posto da subito l’esperienza della partecipazione al centro del proprio progetto, prevedendo un ricco programma partecipato e il prezioso coinvolgimento di scuole e associazioni di volontariato. L’edizione 2014 conferma e rilancia questa impostazione, affrontando le tante sfaccettature, i problemi, le contraddizioni che caratterizzano due nozioni per certi aspetti opposte, in tensione tra di loro, eppure proprio per questo strettamente collegate. In questo nesso sta uno dei grandi nodi del nostro tempo. Siamo convinti che partecipare e includere sia un progetto civile sul quale valga la pena impegnarsi. Perché questo accada occorre innanzitutto un dibattito appassionato, rigoroso e aperto, perché non ci sono scorciatoie, semplificazioni né deleghe in bianco che possano supplire all’esercizio del pensiero critico. Il diritto con la sua attività regolatrice fissa criteri di inclusione e di esclusione, fornendo o meno legittimazione sociale ai comportamenti. Un diritto partecipato non potrà che essere un diritto consapevolmente inclusivo. Senza ingenuità e fughe irrealistiche. Ma soprattutto senza cedere alla logica del bunker, che minacciosamente si è affacciata nelle nostre società inquiete».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento