Sopralluogo della Provincia sulle strade di Castelvetro

Sopralluogo congiunto sulla viabilità provinciale a Castelvetro per definire interventi di competenza provinciale

Nei giorni scorsi si è svolto un importante sopralluogo a Castelvetro da parte della Vice-Presidente della Provincia Patrizia Calza e di tecnici provinciali, insieme al Sindaco Luca Quintavalla, al Vice-Sindaco Silvia Granata, all'Assessore Pier Luigi Fontana e al tecnico comunale Geom.Galvani, per definire nei dettagli gli interventi di competenza provinciale che partiranno nelle prossime settimane.

Si tratta, in particolare, della riqualificazione delle banchine in tratti che interessano le Strade Provinciali n. 588R "Due Ponti" e n. 10R "Padana Inferiore" (est), da cui potranno essere ricavati anche ulteriori percorsi ciclabili, nonché il rifacimento della pavimentazione bituminosa di tratti della SP 588R verso la frazione di San Giuliano, oggi in condizioni problematiche.

Il sopralluogo è stato anche un'occasione per affrontare i temi della sicurezza stradale dei punti più critici delle Strade Provinciali che attraversano Castelvetro e le sue frazioni, a partire dall'intersezione della SP 10R con via Bernini e via Platona, su cui il Comune sta lavorando per presentare a breve proposte alla  Provincia e alla Regione per l'assegnazione di risorse.

Il Sindaco Quintavalla si dice particolarmente soddisfatto del sopralluogo e ringrazia la Vice-Presidente Calza per l'impegno messo in campo dalla Provincia e per l'attenzione riservata alle problematiche prioritarie di Castelvetro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento