Cronaca

Sorpassa la coda per un incidente perché è di fretta e interrompe gli agenti, assolto

Giunto davanti alla polizia stradale che stava eseguendo i rilievi, aveva chiesto di passare. I poliziotti, allora, avevano interrotto i rilievi e gli avevano contestato il sorpasso a forte velocità in striscia continua, sospeso la patente e denunciato per il reato di interruzione di pubblico servizio

Immagine di repertorio

Non aveva voglia di aspettare in coda, a causa di un incidente, e così aveva sorpassato le vetture nonostante la striscia continua. Giunto davanti alla polizia stradale che stava eseguendo i rilievi, aveva chiesto di passare. I poliziotti, allora, avevano interrotto i rilievi e gli avevano contestato il sorpasso a forte velocità in striscia continua, sospeso la patente e denunciato per il reato di interruzione di pubblico servizio. Il 29 marzo, però, un piacentino di 38 anni è stato assolto dal reato, per “tenuità del fatto”. La sentenza è stata emessa dal giudice Ivan Borasi. Il pm Giulio Massara aveva chiesto la condanna a due mesi, mentre il difensore, l’avvocato Carlo Alberto Caruso, l’assoluzione. Secondo la difesa, non c’era stata un’interruzione del pubblico servizio perché i poliziotti stavano rilevando l’incidente. La vicenda era avvenuta nel settembre del 2016. L’uomo, all’altezza di Fossadello si era ritrovato in coda a causa di un incidente avvenuto sulla Provinciale. La polizia stradale aveva chiuso entrambe le corsie per svolgere i rilievi di uno scontro tra auto. L’automobilista aveva allora iniziato il sorpasso delle vetture incolonnate, fermandosi davanti alla polizia e chiedendo di voler passare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sorpassa la coda per un incidente perché è di fretta e interrompe gli agenti, assolto

IlPiacenza è in caricamento