Droga tra i giovanissimi, arrestati due spacciatori ventenni

In manette un operaio e uno studente. A Piacenza e Monticelli i carabinieri hanno rinvenuto gli "attrezzi del mestiere"

L'atteggiamento guardingo dopo un furtivo scambio di qualche oggetto da una mano all'altra è stato fatale. Due ventenni, piacentino il primo e marocchino (ma cresciuto in provincia il secondo) il secondo, sono infatti stati arrestati per spaccio grazie all'operazione condotta dal nucleo investivo dei carabinieri, coordinato dal capitano Rocco Papaleo.

L'INDIVIDUAZIONE - P.E., operaio residente in città, e B.R., studente di origine nordafricana e residente a Monticelli, con il loro fare circospetto hanno messo in allerta gli uomini dell'arma che stavano perlustrano i giardini Margherita. Pedinato fino nei dintorni di viale Dante, dove ha parcheggiato l'auto per poi proseguire a piedi i propri spostamenti, l'operaio è stato perquisito dai carabinieri che nel suo mezzo hanno rinvenuto 150 grammi di hashish ripartito in tre dosi. Dopo le prime risposte evasive, il ragazzo ha ammesso di avere ricevuto il quantitativo di stupefacenti dall'ex compagno di scuola.

COCAINA - Nel frattempo, un secondo gruppo operativo attivato dai militari ha seguito il complice, che da piazza Cittadella era partito in corriera per fare ritorno a Monticelli. Alla vista dei carabinieri che lo avevano raggiunto alla fermata vicino a casa, il nordafricano (con piccoli precedenti non relativi allo spaccio) ha tentato la fuga, gettando via un pacchetto di sigarette che conteneva 20 grammi di hashish e 3 di cocaina. Nella camera da letto sono poi stati rinvenute altre cinque dosi di cocaina e 3mila euro in contanti in aggiunta ai 500 del portafoglio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"NON SONO UN INFAME" - Come ammesso dal giovane, il denaro era il ricavato della vendita della droga. Il piacentino, ben poco collaborativo, è stato invece trovato in possesso di una bilancia di precisione e di un coltello: «Non vi racconterò nulla dei miei traffici perché non sono un infame», avrebbe risposto agli uomini dell'arma. Insieme a lui è stato interrogato un altro giovanissimo che faceva parte dello stesso giro. All'operazione hanno collaborato i carabinieri della stazione di Monticelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento