Cocaina sotto la leva del cambio, arrestato in via Borghetto

Operazione della sezione narcotici della squadra mobile. In manette un macedone di 31 anni che è stato trovato con otto dosi di droga nascoste dentro la sua auto. La questura: spaccio in città e in provincia

La droga sequestrata

Otto dosi di cocaina sono costate l’arresto a un macedonie di 31 anni che l’altra sera è stato arrestato dalla sezione narcotici della squadra mobile in via Borghetto. Sulla carta incensurato, ora si trova agli arresti domiciliari dopo che il giudice per le indagini preliminari Giuseppe Bersani ha convalidato il suo arresto.

Gli agenti in borghese della mobile lo stavano tenendo d’occhio già da qualche tempo. Avevano notato che si fermava spesso in auto e che faceva segnali con i fari abbaglianti ad altre auto che si avvicinavano. Secondo la polizia si trattava dei segnali convenzionali per accordarsi con i clienti. L’altra sera una pattuglia della Narcotici, sospettando che lo straniero avesse con sé della droga, ha deciso di bloccarlo e di perquisire la vettura.

Sotto la cuffia della leva del cambio sono saltati fuori otto involucri di polvere bianca. In tutto quattro grammi di cocaina che si sono aggiunti al materiale per il confezionamento che la polizia dice di avere trovato durante la perquisizione della sua abitazione in città. Tanto è bastato per far scattare le manette. «Ora stiamo indagando sul giro di clienti – sottolinea la questura – Lo spaccio avveniva sia in città che in provincia».
 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento