Spaccio nei giardinetti di via Calciati, nigeriano in manette

I carabinieri hanno colto sul fatto uno spacciatore 28enne residente a Gropparello

Un giovane pusher 28enne nato in Nigeria e residente a Gropparello e richiedente asilo, nel pomeriggio del 9 agosto è stato arrestato dai Carabinieri della Sezione Operativa del Norm. E’ stato sorpreso mentre spacciava marijuana. I carabinieri nei giorni scorsi avevano avuto notizia che alcuni ragazzi africani spacciavano all’interno dei giardini pubblici dietro il supermercato “Esselunga”, nell’area verde tra via Calciati, Via Camia e Largo Erfurt. Già nei giorni scorsi l'area era stato teatro di una rissa tra pusher. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ieri pomeriggio i carabinieri hanno individuato un gruppo di giovani che confabulava vicino ad una panchina. Sono stati monitorati e dopo poco tempo i militari hanno notato altri africani andare e venire dall'area verde, poco dopo lo scambio di droga con un cliente: lo spacciatore ha preso un involucro nascosto in una siepe e lo ha consegnato ad un romeno di 30 anni, poi ha tentato di scappare, invano, dai carabinieri. E' stato arrestato: addosso aveva anche 140 euro in contanti e in banconote di piccolo taglio. Il romeno è stato segnalato come assuntore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Diventano parenti al matrimonio e poi si picchiano al bar: due feriti e una denuncia

  • «Ho ucciso Leonardo, ma l’ho fatto per difendermi. Chiedo scusa alla famiglia»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento