rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Cronaca

Sperperati 40mila euro dei parenti anziani ai videopoker: 40enne a processo

E’ stato rinviato a giudizio il 40enne piacentino che, insieme con la madre, è accusato di aver sperperato 40mila euro nelle slot machine, dopo essersi fatto dare il denaro da due anziani parenti che vivevano con lui. L’uomo deve rispondere di appropriazione indebita, truffa, circonvenzione di incapace. La madre, una 60enne, aveva già patteggiato la pena, sempre per gli stessi reati e anche per maltrattamenti in famiglia.

Una storia di degrado che è approdata davanti al giudice per l’indagine preliminare Giuseppe Bersani, che ha accolto la richiesta del pm Emilio Pisante. L’uomo dovrà affrontare il processo e sarà difeso dall’avvocato Emilio Dadomo.
La vicenda era emersa nel 2012. I due vivevano in casa con due anziani parenti. Il vizio del gioco - entrambi sono affetti da ludopatia - li avevano portati a farsi consegnare il denaro della pensione dei parenti. I soldi venivano divorati dalle macchinette e i due, non sapendo come procurarsene altri, avrebbero costretto, secondo le accuse, gli anziani a firmare delle pratiche di finanziamento che prevedevano anche la cessione del quinto della pensione. L’abisso, però, si era spalancato e i due ci erano finiti dentro. Il denaro veniva risucchiato dalle slot e la famiglia si era così ritrovata a non aver più né luce né acqua, che erano stati disattivati perché non venivano pagate le bollette.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sperperati 40mila euro dei parenti anziani ai videopoker: 40enne a processo

IlPiacenza è in caricamento