Stalking e violenza privata, Maila Conti condannata a 10 mesi

Il pm aveva chiesto due anni. Risarcimento di 8mila euro. L’imputata: «Condannata per reati che non ho commesso». La difesa: «Ricorreremo in Appello». La parte civile: «Soddisfatti, chiarita la vicenda»

Maila Conti con uno dei suoi avvocati, Wally Salvagnini

Il pm aveva chiesto la condanna a due anni. La sentenza del giudice è stata di dieci mesi. Si è concluso il 20 luglio il processo nei confronti di Maila Conti, la 52enne accusata di stalking e violenza privata verso la vedova e delle due figlie di Leonardo Politi e di resistenza verso i carabinieri. Il giudice Gianandrea Bussi ha anche disposto un risarcimento di 8mila euro alla donna che si è costituita parte civile con gli avvocati Luigi Salice e Romina Cattivelli. Conti è difesa dagli avvocati Carlo Benini e Wally Salvagnini che, dopo che sarà stata pubblicata la sentenza, presenterà il ricorso in Appello. «Sono stata condannata per fatti che non ho commesso» ha affermato Conti a margine del processo. Conti, che attualmente si trova agli arresti domiciliari in Val Trebbia, è imputata anche in un altro processo per l’omicidio del compagno Leonardo Politi, 61 anni, ucciso al Lido di Ravenna - i due gestivano una piadineria - il 13 agosto dello scorso anno. La sentenza è attesa per la fine di luglio.

«Siamo soddisfatti per la sentenza - hanno commentato i due avvocati di parte civile - che ha chiarito i fatti e le relazioni tra le persone. Esprimiamo apprezzamento per i carabinieri che hanno svolto indagini serie e accurate». La sentenza lascia spazi alla difesa nell’eventuale ricorso ai giudici di secondo grado. A Conti, infatti, veniva contestato di aver perseguitato la donna dal 2016 al 2019. Il giudice, però, ha riconosciuto solo i fatti degli ultimi due anni. Mentre i reati di violenza privata e resistenza, sono avvenuti solo nell'episodio del marzo 2019 del ristorante. Conti, secondo le accuse della procura, avrebbe più volte perseguitato la ex moglie di Politi, arrivando a minacciare e a molestare lei e le due figlie. Fino ad arrivare all’aggressione in una trattoria di Travo dove la vittima lavorava come cameriera. In quell’occasione, Conti era stata denunciata dai carabinieri di Rivergaro per resistenza a pubblico ufficiale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per la difesa, però, la vicenda presentava molti lati oscuri e alcune contraddizioni. Le due donne, in un primo tempo erano amiche. Quando nel 2017, Politi e la moglie si separano e Conti ha aiutato economicamente la loro famiglia, arrivando a pagare il pranzo di nozze di una delle figlie. Nel 2018, Conti e il suo compagna si trasferiscono a Ravenna. L’anno dopo inizia il divorzio e la ex moglie chiede un accertamento tributario, aveva rimarcato la difesa, oltre al fatto di aver avvicinato alcune amiche perché testimoniassero contro Conti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Come non sporcare la mascherina con il trucco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento