«Stanno cercando di entrare in casa mia». Via 4 Novembre, ladri sfuggono alla cattura

Attimi di tensione nella prima serata di domenica per una donna che vive da sola e che si è accorta che all'esterno stavano forzando la porta di casa sua. Ha chiamato subito il 113 ed è stata tranquillizzata dall'operatore della questura. Sul posto le volanti

(Repertorio)

«C’è qualcuno che sta cercando di entrare in casa mia. Stanno colpendo la porta dall’esterno». Ha avuto sangue freddo e ha fatto la cosa migliore, ovvero telefonare subito al 113, la donna piacentina che nella prima serata di domenica 21 febbraio ha vissuto la brutta esperienza di avere i ladri all’esterno della sua abitazione che tentavano di entrare forzando al porta. Tutto è accaduto intorno alle 20 in una villetta di via Quattro Novembre dove sono accorse due volanti della questura. La donna, che era in casa sola, ha udito qualcuno che stava colpendo la porta sul retro della sua abitazione. Rumori continui, colpi secchi, di qualcuno che stava evidentemente cercando di forzare la serratura. La proprietaria ha subito chiamato il 113, rimanendo al telefono con l’operatore del 113 mentre intanto si avvicinavano le pattuglie. I ladri, che probabilmente sono stati avvertiti da un complice all’esterno che stava arrivando la polizia, sono riusciti a sfuggire per un soffio alla cattura scappando a piedi nella zona tra via Campi e viale Dante, e abbandonando a terra alcuni arnesi da scasso poi rinvenuti dai poliziotti. Le ricerche nella zona, durate a lungo, non hanno però dato esito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento