Strada da Gerbido a Mortizza: «Buche, crepe e rattoppi: a quando la riasfaltatura?»

Alcuni residenti della zona hanno inviato una segnalazione sullo stato della strada tra Gerbido e Mortizza: «Ci sono buche, crepe e rattoppi fatti in modo approssimativo»

Una delle buche

«Buche, avvallamenti, strada sconnessa, crepe e rattoppi fatti in modo approssimativo caratterizzano la strada che da Gerbido porta a Mortizza». Questa la segnalazione di un gruppo di residenti delle zone tra Gerbido e Mortizza. 

«Recentemente è apparsa sul social network Facebook - continua la segnalazione - un’intervista fatta all'assessore Giorgio Cisini. All'interno della stessa l'assessore ha spiegato le opere effettuate nel corso di questi anni e quali progetti futuri sono presenti. Detto questo, tralasciando la dubbia utilità di alcune, nel corso dell'incontro ha parlato di lavori pubblici che verranno svolti prevalentemente in ambito cittadino nel 2016, quindi periferia esclusa, dato il solo accenno a Mucinasso. Vorremmo ricordare all'assessore che gli abitanti delle frazioni non sono esclusi dal pagamento delle imposte e dovrebbero (usiamo il condizionale) aver diritto anche loro ad un minimo di servizi che, ovviamente, sono assenti».

«In questo caso - spiegano i residenti - per servizio minimo, si intendono i quattro chilometri di strada che da Gerbido portano a Mortizza passando per Bosco dei Santi. Buche, avvallamenti, strada disconnessa, crepe, tombini della fognatura ricoperti con asfalto e quelli dell'illuminazione pubblica non a livello del manto stradale, oltre agli infiniti rattoppi fatti in modo approssimativo, caratterizzano questi pochi chilometri di strada, per non parlare di quando piovono dal cielo due gocce d'acqua: immediatamente si formano enormi pozzanghere».

«Le numerose e continue riparazioni che fino ad oggi sono state fatte - afferma la segnalazione - reggono da Natale a Santo Stefano. Inoltre non dimentichiamoci il cantiere dell'acquedotto di Mortizza-Bosco dei Santi: gli assessori non si sono nemmeno degnati di effettuare un'asfaltatura completa della strada, lasciando i tombini più alti del manto stradale, dovrebbero vergognarsi. Cisini dice, sempre facendo riferimento all'intervista rilasciata qualche giorno fa, di utilizzare la propria auto per spostarsi da un ufficio all'altro e per tenere monitorati i cantieri presenti in ambito urbano. Con ciò, ci sorge spontanea una domanda: da quanti anni l'assessore non si reca personalmente a controllare lo stato delle strade nelle frazioni citate poco sopra? Invece di continuare a fare biscotti ovunque, sarebbe meglio che destinasse un po' di fondi anche alla nostra strada. Ci viene spontaneo chiedere: a quando una completa riasfaltatura del tratto in questione? Non si chiede il mondo ma solamente una strada decente e senza dover fare lo slalom in continuazione».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Incidente a San Rocco, chiuso temporaneamente il ponte di Po

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento