Strade della Provincia: le foto del sopralluogo di Trespidi

“Prestiamo una particolare attenzione al nostro patrimonio di strade e vogliamo conoscerne a fondo i problemi", con queste parole il presidente della Provincia Massimo Trespidi si è recato in visita ad alcune arterie provinciali interessate nei mesi scorsi da problemi di vario genere. Ecco la cronaca e le foto

"Prestiamo una particolare attenzione al nostro patrimonio di strade e vogliamo conoscerne a fondo  i problemi, verificandoli di persona, per poi assumere le decisioni conseguenti”, lo ha dichiarato ieri il Presidente della Provincia Massimo Trespidi nel corso del sopralluogo che ha effettuato, in compagnia dell'assessore ai Lavori pubblici Sergio Bursi e del dirigente del Servizio Infrastrutture stradali e Viabilità dott. Davide Marenghi, ad alcune arterie provinciali interessate nei mesi scorsi da problemi.

“Puntiamo – ha precisato il Presidente – a mettere in sicurezza i tratti più critici della nostra viabilità prima dell'inizio della brutta stagione, che potrebbe ulteriormente pregiudicare situazioni già non ottimali. Il sopralluogo che abbiamo effettuato il 12 agosto ci ha permesso di verificare situazioni su alcune dellle quali siamo intervenuti e stiamo intervenendo, come il tratto di strada provinciale di Gropparello appena a valle del paese, il tratto di provinciale all'altezza di Bramaiano e la provinciale di Cantone, che stiamo riasfaltando”.

Il sopralluogo di ieri invece è iniziato in val Tidone di prima mattina e si è concluso in alta val d'Arda a pomeriggio avanzato. Prima tappa in comune di Nibbiano, dove il Presidente è stato accolto dal Sindaco Alessandro Alberici e dove ha verificato la situazione di alcuni punti critici delle strade provinciali di Tassara e Stadera. In tali punti, movimenti franosi causati dal maltempo hanno provocato il collasso di una parte della carreggiata. La Provincia è già intervenuta, ricostruendo il corpo stradale e riportando la situazione alla normalità.

Sempre in compagnia del sindaco Alberici il Presidente ha successivamente sostato lungo la strada provinciale di val Tidone, subito a monte dello sbarramento della diga del Molato, nel punto in cui, nella primavera scorsa, la carreggiata è stata invasa da un imponente movimento franoso. Qui la Provincia è intervenuta per asportare la considerevole mole di materiale caduto sulla carreggiata e per ripristinare la viabilità. Per migliorare la sicurezza, è possibile che il muro sul lato a monte della strada venga ulteriormente rialzato.

Tra il sopralluogo alle provinciali di Stadera e Tassara ed il passaggio sulla 'Val Tidone' Massimo Trespidi ha avuto il tempo di effettuare una puntata in comune di Caminata per visitare, in compagnia del sindaco Danilo Dovati, una situazione critica lungo la strada provinciale di Rossarola, sulla quale la Provincia è già intervenuta. Il Presidente si è poi portato in val d'Aveto, a Salsominire, qui accolto dal sindaco di Ferriere Antonio Agogliati, e, nel pomeriggio, è sceso a Ferriere percorrendo la strada provinciale del Mercatello, dove ha esaminato un punto critico presso Brugneto.

 Da Ferriere, trasferimento a Morfasso,
  per una visita, i compagnia del sindaco Enrico Croci, a punti critici della viabilità sia provinciale che comunale. Hanno accompagnato gli amministratori provinciali nel tour anche tecnici della Provincia e amministratori dei Comuni interessati.

Tutte le foto del sopralluogo


lagomolato-052rossarola-047stadera-045
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Un anziano ammalato di Covid in gennaio a Piacenza potrebbe essere il paziente 1». Inchiesta di Report in una clinica piacentina

  • Piacenza, tutte le attività commerciali che sono aperte e fanno consegna a domicilio

  • Coronavirus, la situazione nei comuni del Piacentino aggiornata al 31 marzo

  • Provincia in lutto, se ne è andata Roberta Solari

  • Coronavirus e decessi, i numeri non tornano: se le vittime fossero molte di più?

  • Covid-19, Piacenza piange altre 26 vittime, il totale sale a 495

Torna su
IlPiacenza è in caricamento