Cronaca

Strangolò Elisa Pomarelli, per Sebastiani chiesti 24 anni

Questa la pena che il procuratore Grazia Pradella ha chiesto durante la requisitoria nel processo in rito abbreviato che vede imputato Massimo Sebastiani, accusato di di aver strozzato Elisa Pomarelli. Si attende la sentenza

Nella foto, i genitori di Elisa e i loro legali Liardo e Lentini (foto di Emanuela Gatti)

Ventiquattro anni di carcere. Questa la pena che il procuratore Grazia Pradella (titolare indagini pm Ornella Chicca) ha chiesto durante la requisitoria nel processo in rito abbreviato che vede imputato Massimo Sebastiani accusato di di aver strozzato l’amica Elisa Pomarelli e poi di averne nascosto il corpo per circa 15 giorni in un bosco; tanto infatti durò anche la sua fuga. L’omicidio fu commesso il 25 agosto 2019 nel pollaio dell’operaio a Carpaneto, infine fu arrestato il 7 settembre a Cosla mamma di Elisa Pomarelli-2ta di Sariano di Gropparello. Le indagini furono condotte dai carabinieri e coordinate dal sostituto procuratore Ornella Chicca. Il legale dell’imputato, Mauro Pontini, aveva chiesto e ottenuto per il suo assistito il rito abbreviato condizionato da una perizia psichiatrica (sconto di un terzo della pena). La famiglia si era costituita parte civile con gli avvocati Paolo Lentini e Alida Liardo.  Parte civile anche il Telefono Rosa con l’avvocato Monica Magnelli. Al termine della discussione il gup Fiammetta Modica si ritirerà in camera di consiglio per decidere la sentenza. Il papà di Elisa ha dichiarato a margine: «Sebastiani ci ha distrutto la vita». Presente in aula infatti tutta la famiglia di Elisa. La sentenza è attesa per le 17. La mamma ha, invece, dichiarato: «Per me meritava l’ergastolo, la giusta pena era questa. Non mi avrebbe tolto il dolore che c’è sempre e comunque, ma 24 anni sono pochi».

IN AGGIORNAMENTO

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strangolò Elisa Pomarelli, per Sebastiani chiesti 24 anni

IlPiacenza è in caricamento