Stroncato maxi giro di spaccio: 150 cessioni al giorno, droga anche a minorenni

Operazione Free Gerassa: i carabinieri del Norm di Fiorenzuola guidati dal maresciallo Enrico Savoli e coordinati dal sostituto procuratore Emilio Pisante, hanno sgominato un sodalizio criminale che aveva portato nella città di Fiorenzuola un enorme quantitativo di stupefacente

Da sinistra: il maresciallo Enrico Savoli, il maggiore Biagio Bertoldi, il colonnello Corrado Scattaretico, e il sostituto procuratore Emilio Pisante

Dodici spacciatori, trecento cessioni al giorno per un giro d'affari di migliaia di euro, 150 clienti abituali che compravano hascisc, cocaina ed eroina, tra loro anche una ventina di studenti, molti minorenni. I carabinieri del Norm di Fiorenzuola guidati dal maresciallo Enrico Savoli e coordinati dal sostituto procuratore Emilio Pisante, hanno sgominato un sodalizio criminale che aveva portato nella città di Fiorenzuola un enorme quantitativo di stupefacente, tale da essere proporzionato alla domanda. L'operazione "Free Gerassa" ha portato all'emissione da parte del gip Stefania di Rienzo di 12 misure cautelari in carcere, 5 arresti domiciliari, 6 tra obblighi e divieti di dimora, e 9 denunce, tutte per spaccio anche aggravato dalla vendita a minorenni. A queste se ne aggiungono altre quattro, per un totale di 27 misure. Si tratta di nordafricani (sei poi espulsi dall'Italia) e di alcuni piacentini. 

Schermata 2018-05-29 alle 14.08.34-2-2«La vendita delle dosi  - spiegano gli inquirenti - avveniva sostanzialmente nei pressi di due locali, il Bar Gerassa (successivamente chiuso per altri motivi non connessi alle indagini, i titolari sono totalmente estranei alla vicenda) e il Bar Shanghai in via Illica». Gli spacciatori, quasi tutti marocchini vivevano a Fiorenzuola e avevano una vita apparentemente normale: un lavoro fisso, figli, case anche di proprietà e nessun precedente eppure si erano creati un vastissimo giro di spaccio. Si davano appuntamento con i clienti e consegnavano loro le dosi concordate al telefono. I militari, guidati dal maggiore Emanuele Leuzzi prima e poi dal successore Biagio Bertoldi, hanno avviato le indagini nel 2016. Grazie alle numerose testimonianze degli assuntori, a pedinamenti e alle intercettazioni telefoniche, hanno ricostruito l'articolato sodalizio che era composto da spacciatori autonomi che si rifornivano da altrettanti grossisti specializzati ciascuno in un tipo di stupefacente, tuttavia i pusher erano anche legati tra loro e si "aiutavano" a vicenda per soddisfare ogni tipo di esigenza. Scaltri e professionisti nascondevano lo stupefacente negli spazi comuni dei condomini dove abitavano o sotterravano la droga replicando le modalità dello spaccio dei campi. La cocaina era di buona qualità e veniva venduta a 80-90 euro al grammo, mentra l'eroina a 30 e l'hascisc a 10, prezzi maggiori a quelli applicati dai pusher delle campagne essendo il rischio di essere bloccati molto più alto.

Ampio il ventaglio degli acquirenti, si va dall'imprenditore all'operaio e anche al mondo studentesco che prediligeva l'hascisc. Nel corso delle indagini sono stati sequestrati 500 grammi di eroina, 3 chili di hascisc e 70 grammi di coca, tanti gli arresti in flagranza: tra loro anche i grossisti provenienti da Reggio Emilia, Brescia, Milano e Lodi, intercettati e bloccati con il carico pronto da rivendere. Il blitz è scattato nella notte del 24 maggio e ha coinvolto circa cento carabinieri e un'unità cinofila antidroga della Guardia di Finanza. «I carabineri del Nas hanno multato per 13mila euro il bar Shangai per alcune irregolarità riscontrate nella gestione che nulla centrano con lo spaccio, tuttavia è stata avanzata al questore la richiesta per la chiusura del locale. I titolari dei due bar - fanno sapere dalla Procura -  non erano al corrente di quanto accadeva nei pressi e all'interno». «Siamo molto soddisfatti perché abbiamo estirpato un cancro e liberato un intero quartiere», hanno commentato il comandante provinciale dell'Arma il colonnello Corrado Scattaretico e il maggiore Biagio Bertoldi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

Torna su
IlPiacenza è in caricamento