menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un momento della cerimonia

Un momento della cerimonia

«Stroncheremo le infiltrazioni criminali nel tessuto economico fragile e delicato post Covid»

Anniversario della fondazione. La Guardia di Finanza, quale unica forza di polizia economico-finanziaria del Paese, dovrà supportare l’operazione di rilancio economico del sistema produttivo nazionale post Covid-19

In occasione della ricorrenza del 246esimo anniversario della guardia di finanza si è tracciato il bilancio dei principali risultati conseguiti dalle fiamme gialle piacentino nel 2019 e nei primi cinque mesi del 2020. Il colonnello Daniele Sanapo ha sottolineato come la commemorazione, oltre che per ricordare i valori fondanti dell’istituzione, è anche il momento per riconoscere il giusto merito alle donne e uomini in divisa per la dedizione con cui hanno compiuto il proprio servizio, in modo particolare a quelli che recentemente sono stati impegnati in prima linea nel far rispettare le disposizioni, emanate dalle autorità, per il contenimento della pandemia da Covid-19. A riguardo, quale bilancio operativo nello stato di emergenza, a partire dallo scorso mese di marzo sono stati controllati 5740 soggetti, quasi un centinaio le persone denunciate, a vario titolo, per violazioni commesse nel periodo di lockdown, di cui 4 tratte in arresto. Sessanta sono stati i controlli effettuati nei confronti di altrettanti esercizi commerciali di cui 17 segnalati all’autorità giudiziaria competente, nel settore della contraffazione e della sicurezza prodotti sono state sottoposte a sequestro circa 1.700 mascherine.

Il comandante provinciale ha delineato gli scenari futuri del corpo il quale, in una fase post covid-19, è chiamato a prefetto falco sanapo guardia di finanza-2rinnovarsi ed a misurarsi con sfide moderne, impegnative, delicate ed estremamente complesse. La Guardia di Finanza, quale unica forza di polizia economico-finanziaria del Paese, dovrà supportare l’operazione di rilancio economico del sistema produttivo nazionale, intercettando e neutralizzando, per tempo, ogni tentativo di infiltrazione o ingerenza delle organizzazioni criminali nel circuito imprenditoriale. Avrà il compito di bloccare l’ingresso di capitali illeciti nell’economia legale del Paese, frutto di prestiti usurai o rilevazione, da parte di gruppi criminali senza scrupoli, di imprese in condizioni di disagio economico e vulnerabilità finanziaria. Dovrà vigilare affinché il flusso di denaro messo in campo, per arginare la sofferenza economica di molte famiglie, siano destinati alle categorie più fragili e non siano preda di operatori disonesti. Dovrà perseguire, senza sosta, nel contrastare con determinazione e capacità investigativa, le forme più insidiose e riprovevoli di evasione ed elusione fiscale, anche di natura internazionale, che possono vanificare il contributo ed il lavoro delle tantissime persone oneste che partecipano al regolare funzionamento della nostra società. Agirà per proteggere le forze produttive sane, impedire che gli sforzi e i sacrifici comuni siano compromessi da deleterie logiche affaristiche chiudendo la porta alle organizzazioni malavitose che, in un momento di crisi economica di tale proporzione, rischiano di attecchire e proliferare. Il colonnello ha ringraziato il prefetto, tutte le istituzioni locali, la magistratura e tutte le forze di polizia con le quali quotidianamente, le fiamme gialle piacentine operano in un clima di reciproca collaborazione e in perfetta sinergia.

IL BILANCIO

corona guardia di finanza-2 LOTTA ALL’EVASIONE, ALL’ELUSIONE E ALLE FRODI FISCALI

Nel 2019 e nel periodo gennaio- maggio 2020, la Guardia di Finanza ha eseguito quasi 250 interventi fiscali in materia di II.DD. e IVA. L’attività del Corpo è stata rivolta al contrasto di quei fenomeni evasivi che vanno dall’emissione ed utilizzo di fatture false alle cosiddette “frodi carosello”, che generano crediti IVA totalmente inesistenti, dalle indebite compensazioni di imposte e contributi, al fenomeno dell’estero vestizione. 48 sono stati gli evasori totali scoperti in un anno e mezzo, responsabili di aver evaso oltre 12 milioni di IVA, mentre sono stati 112 sono stati i soggetti denunciati per reati fiscali di cui 7 in stato di arresto. 66 sono state le deleghe d’indagine concluse in collaborazione con le competenti magistrature. Le proposte di sequestro, avanzate dai Reparti operativi all’Autorità Giudiziaria nell’ultimo anno e mezzo, nell’ambito dei reati fiscali accertati, sono state pari a circa 20 milioni di euro. Nel settore delle Accise i dipendenti reparti hanno eseguito n. 21 interventi che hanno permesso di rilevare tributi evasi per oltre 3 milioni di euro.

CONTRASTO AGLI ILLECITI IN MATERIA DI SPESA PUBBLICA

Nel 2019, e nei primi 5 mesi del 2020, è proseguito l’impegno dei militari nella lotta alla corruzione ed al contrasto degli illeciti che provocano nocumento alla spesa pubblica nazionale, locale e Comunitaria. Nel periodo di riferimento sono stati segnalati appalti irregolari per circa 200mila euri, accertati danni erariali per oltre 1milione e 300mila euro, denunciate 18 persone, 5 sono state le deleghe d’indagine concluse in collaborazione con la magistratura e la Corte dei Conti, mentre le proposte di sequestro, avanzate ammontano a circa 600mila euro, 125 sono stati gli interventi sulle prestazioni sociali agevolate (ovvero controlli che riguardano erogazioni a favore di soggetti che versano in delicate condizioni economiche e sociali) mentre, nell’ambito della spesa sanitaria e previdenziale, sono stati effettuati 24 controlli sui Ticket sanitari.

LOTTA ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA ED ECONOMICO FINANZIARIA guardia di finanza covid-2

Le indagini patrimoniali, nell’ambito dei reati economico-finanziari e della normativa antimafia, hanno consentito complessivamente, nel 2019 e nei primi 5 mesi del 2020, il sequestro di beni e valori per circa 160mila euro, mentre le richieste di sequestro, in corso, ammontano a oltre 7milioni e mezzo di euro. Nel citato periodo, in applicazione alla normativa antimafia sono stati sottoposti ad accertamenti patrimoniali 12 soggetti. Nell’ambito del contrasto del fenomeno del riciclaggio dei capitali illeciti, sono stati denunciati 5 soggetti e accertato nella specifica normativa per un ammontare di oltre 500mila euro. Nel periodo in argomento sono state esaminate poco meno di 200 segnalazioni per operazioni sospette con la constatazione di rilievi ai fini amministrativi. Nel settore della tutela del mercato e dei beni e servizi, i Reparti operativi hanno effettuato 28 interventi e dato esecuzione a 5 deleghe dell’autorità giudiziaria. Nel settore a contrasto dei traffici di droga, nel 2019 e nei primi 5 mesi dell’anno in corso, sono stati effettuati 68 interventi che hanno consentito di procedere ad 11 arresti e 31 denunce a piede libero; in tale ambito sono stati sequestrati più di 8 kg di sostanze stupefacenti. 

CONCORSO ALLA SICUREZZA INTERNA ED ESTERNA DEL PAESE

La Guardia di Finanza ha continuato a fornire il proprio contributo per la sicurezza dei cittadini, anche con il controllo del territorio e la vigilanza di obiettivi sensibili, eseguito in concorso con la Polizia di Stato e l’Arma dei Carabinieri. Va ribadito, inoltre, l’incessante impegno dell’aliquota piacentina dei Baschi Verdi, che partecipa al mantenimento dell’ordine e la sicurezza pubblica, in occasione di manifestazioni ed avvenimenti sportivi di rilievo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Come apparecchiare la tavola: le regole del galateo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento