"Stuka su piazza Cavalli", alla Passerini la presentazione del nuovo libro di Ermanno Mariani

Sabato 23 aprile, alle 17, presso il salone monumentale della biblioteca Passerini Landi, lo scrittore e giornalista Ermanno Mariani presenterà il suo ultimo libro “Stuka su piazza Cavalli. Nascita della Resistenza nel pPacentino”, edito da Pontegobbo

Sabato 23 aprile, alle 17, presso il salone monumentale della biblioteca Passerini Landi, lo scrittore e giornalista Ermanno Mariani presenterà il suo ultimo libro “Stuka su piazza Cavalli. Nascita della Resistenza nel pPacentino”, edito da Pontegobbo. A moderare l’incontro sarà Romano Repetti, segretario dell’Anpi di Piacenza.

Nei capitoli iniziali di “Stuka su Piazza Cavalli”, Mariani analizza l’immediato primo dopoguerra nel piacentino, le contestazioni di operai e braccianti, la reazione delle squadre fasciste e l’avvento al potere della dittatura mussoliniana. L’autore si sofferma poi sull’antifascismo degli anni Venti e Trenta in città e provincia, la futura Resistenza. La ricerca non dimentica l’importante contributo offerto dall’esercito italiano alla nascita di questo movimento e segue le tracce dei tanti militari piacentini che, all’indomani dell’8 settembre 1943, non si arresero ai tedeschi sui vari fronti della seconda guerra mondiale. La ricostruzione ritorna poi a Piacenza, affrontando la battaglia scatenatasi in città dopo l’armistizio. Vengono quindi analizzati i primi mesi della Resistenza piacentina, con la formazione delle prime bande costituitesi tra la fine del ‘43 e i primi mesi del ‘44.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento