Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca

«Subito esami e protocolli sanitari per chi lavora in carcere»

Sette sindacati della polizia penitenziaria: «Pronti a scendere in piazza. Silenzio assordante dell’amministrazione. Siamo amareggiati, vogliamo sicurezza per noi e le nostre famiglie»

Subito i protocolli sanitari all’interno delle carceri italiane per combattere l’epidemia di coronavirus. Lo chiedono sette sigle sindacali che rappresentano il personale di polizia penitenziaria e che si dicono pronte a «scendere in piazza». Le sette sigle (Sappe, Osapp, Sinappe, Uspp, Cgil, Cisl e Uil funzione pubblica) criticano anche «i silenzi assordanti del Dipartimento di amministrazione penitenziaria (Dap) nella gestione emergenza epidemiologica».

Mancano le protezioni e l’attuazione di protocolli sanitari per garantire la salute di chi lavora in carcere. Sarebbe necessario sottoporre tutto il personale a test sierologici o tamponi, per individuare anche gli asintomatici, predisporre corsi di formazione, incrementare la sanificazione degli ambienti di lavoro, seguir ei protocolli delle Asl, per tutelare i lavoratori e le loro famiglie. «Siamo esausti e amareggiati - sostengono a gran voce i sindacalisti - di restare spettatori di una consolidata inerzia e del tracotante oscurantismo istituzionale nei confronti di uomini e donne in divisa che, quotidianamente, espletano la loro attività lavorativa, con spirito solerte e impavido». Pronti a protestare in piazza, i sindacati sottolineano di essere «responsabilmente consapevoli degli imperativi normativi attuati in questo triste momento, ma non escludiamo gli eventuali interessamenti dei nostri uffici legali».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Subito esami e protocolli sanitari per chi lavora in carcere»

IlPiacenza è in caricamento