Subito.it e polizia insieme, ecco il decalogo per non farsi truffare on line

Truffe on line. Sempre più italiani ci cascano e vengono derubati anche di migliaia di euro. Ecco il decalogo per acquistare online in sicurezza stilato dal portale Subito.it e la polizia di Stato

La home page di Subito.it

Truffe on line. Sempre più italiani ci cascano e vengono derubati anche di migliaia di euro. Quasi quotidianamente ne viene data notizia sui quotidiani e, spesso, i truffatori vengono individuati, denunciati e anche condannati. Ed è notizia di qualche giorno fa che un 41enne piacentino, sul portale Subito.it, ha venduto per 4mila euro, decine di pallet inesistenti a due persone. E' stato condannato a più di due anni. 

Il portale Subito.it sulla sua piattaforma propone diversi suggerimenti ai propri utenti proprio per evitare di incorrere in truffe e raggiri. «Come Subito.it suggeriamo sempre di acquistare un bene da persone geograficamente vicine ed esclusivamente in Italia (Subito non opera all’estero) per potersi incontrare e verificare che il mezzo corrisponda effettivamente alle caratteristiche descritte nell’annuncio. Inoltre, vanno evitati i metodi di pagamento non tracciati come carte ricaricabili, vaglia postali o metodi di trasferimento di denaro, in quanto non è possibile identificare la persona in caso di truffa. Se viene richiesto il versamento di una caparra, questa non deve essere né troppo bassa né superare il 20% del valore del mezzo», si legge in una nota del sito. 

I gestori stanno anche collaborando con la polizia per evitare che questo tipo di situazioni si verifichino nuovamente e, insieme agli agenti hanno stilato un decalogo per acquistare online in sicurezza. Ve lo proponiamo

1 - Leggere bene l’annuncio prima di rispondere. Se è troppo breve e fornisce poche informazioni, non esitare a chiederne altre al venditore. Un annuncio ben strutturato e scritto correttamente è generalmente più affidabile.

2 - Informarsi sull’oggetto che si vuole acquistare. Ad esempio, se le foto sembrano troppo belle per essere vere, si suggerisce di cercare l’immagine su Google Immagini. Questo sistema può consentire di capire se le foto sono copiate da altri siti o se sono originali.

3 - Non fidarsi degli oggetti che costano troppo poco. Accertarsi che non ci sia troppa differenza tra i prezzi proposti e quelli di mercato.

4 - Prediligere sempre lo scambio a mano. Meglio incontrarsi di persona e verificare che ciò che si sta per acquistare corrisponda effettivamente alle caratteristiche descritte nell'annuncio. Questo darà anche la possibilità di rifiutare l’offerta e di segnalare eventuali comportamenti scorretti.

5 - Diffidare da chi chiede di essere contattato al di fuori del sistema di Subito per esempio su mail alternative o scritte in modi strani e da chi ha fretta di concludere l’affare proponendo soluzioni non sicure.

6 - Non fornire mai i dati della propria carta di credito e dei vostri documenti se non siete certi al 100% del venditore. Data di nascita, coordinate bancarie, codice fiscale sono dati utili per i truffatori. Anche in presenza di offerte di lavoro valutare bene quali dati fornire via mail.

7 - Si ricorda che Subito non ha alcuna società che si occupa di gestire e garantire le transazioni! Se il venditore chiede di pagare tramite Subito, non fidatevi. Qualunque persona che fa riferimento al sito in qualità di  intermediari non è in buona fede. Non esiste un conto a nome di Subito su cui effettuare pagamenti e non esiste nessun metodo di spedizione garantito da Subito (ad eccezione delle “Spedizioni Sicure”).

8 - Diffidare di chi vi contatta dall’estero. Non è infatti consentito inserire annunci al di fuori dell’Italia. Nel caso vi contattassero dall'estero, non fornire i vostri dati personali (codice fiscale, copie di documenti, IBAN bancario o altro) e soprattutto non effettuare alcun pagamento, specialmente su conti non italiani.

9 - Scegliere solo metodi di pagamento tracciati. I bonifici bancari o per esempio servizi come Hype (powered by Banca Sella) o Paypal, permettono generalmente alle Forze dell’Ordine di identificare la persona in caso di truffa. Evitare sempre metodi di pagamento non tracciati (anche per piccole somme) come carte ricaricabili, vaglia postali o metodi di trasferimento di denaro come Western Union e Moneygram, poiché in caso di truffa sarà molto difficile risalire alla persona colpevole del raggiro!

10 - Prestare attenzione a chi richiede il pagamento immediato di sanzioni. Alcuni truffatori, fingendosi “avvocati di Subito”, Guardia di Finanza o Agenzia delle Entrate, stanno effettuando telefonate (provenienti da numero privato) a utenti che hanno inserito un annuncio. Telefonate di questo genere non provengono da Subito, che non richiede mai pagamenti di alcun genere sotto forma di multa o sanzione.

11 - Infine, è possibile ottenere ulteriori informazioni sugli utenti privati prima di incontrarsi per lo scambio del bene: Subito permette di vedere in quali categorie sono attivi e hanno pubblicato degli annunci, fin dalla prima iscrizione alla piattaforma.

LA PIATTAFORMA - Subito.it è la società proprietaria della piattaforma digitale Subito. Nata a Milano nel 2007. Subito vuole offrire il servizio online di compravendita più semplice, veloce e sicuro per realizzare ottimi affari grazie a efficacia del servizio, qualità e ampiezza dell’offerta. Con quasi 6 milioni di annunci differenziati in 37 categorie merceologiche e per localizzazione geografica, oltre 8 milioni di utenti unici al mese e più di 30 milioni di pagine visitate quotidianamente, Subito è il primo servizio di annunci e tra i primi 10 brand online più visitati in Italia (fonte: media Audiweb Total Digital Audience 2015). Subito è parte di Schibsted Media Group (www.schibsted.com), multinazionale norvegese fondata nel 1839 che oggi conta 6.900 dipendenti e opera con successo in 29 Paesi nei mercati editoriale (quotidiani, TV e free press), digital (news e annunci classificati) e mobile (servizi).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento