rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Sicurezza

Taser in arrivo per la polizia anche a Piacenza

La pistola elettrica, in uso da tanti anni in America e non solo, tra pochi giorni sarà in dotazione ufficiale al personale operativo delle questure. Il sindacato di Polizia Siap: «Ora attendiamo anche le bodycam»

Mancano ormai pochi giorni all'arrivo del taser nella dotazione del personale operativo della polizia a Piacenza, così come anche in tutte le questure italiane. In queste settimane si stanno ultimando i corsi di formazione, nel centro della Polizia di Stato a Nettuno, per addestrare gli agenti che lo avranno in dotazione durante il servizio operativo sulle strade. L'introduzione in Italia dello storditore elettrico, da molti anni già in uso alle forze di polizia non solo in America ma anche in altri Paesi europei, era auspicata da parecchio tempo da parte degli addetti ai lavori, e dopo alcune sperimentazioni in alcune città pilota, ora la pistola elettrica - in grado con una scossa di contrarre e bloccare i muscoli di un soggetto ostile - farà parte della dotazione anche degli agenti delle volanti.  

«L'unico rammarico è che questo strumento avrebbe dovuto essere introdotto in Italia già da anni» afferma il segretario regionale del sindacato di Polizia Siap dell'Emilia-Romagna, Sandro Chiaravalloti, al quale abbiamo chiesto qualche delucidazione a questo riguardo. «Purtroppo il mio timore - sottolinea - è che al primo utilizzo concreto del taser, qualcuno se ne uscirà con le solite critiche per screditare l'operato delle forze di polizia».

«Sicuramente - prosegue il segretario del Siap - al di là dell'utilizzo finale di questo strumento, la sua presenza basterà già come deterrente, aumentando così la salvaguardia dell'operatore di polizia che oggi, purtroppo, si trova sempre più in difficoltà nell'utilizzo della forza quando viene richiesta da determinate condizioni e scenari sugli interventi».

Come viene riportato anche da diverse fonti, l'utilizzo del taser da parte del poliziotto sarà normato da procedure codificate e precise regole di ingaggio, con anche un iter autorizzativo prima di poterlo estrarre e di usare la scossa elettrica per mettere ko il soggetto ostile.

«Ora attendiamo anche l'introduzione ufficiale delle bodycam, oltre che in generale di moduli operativi per i nostri operatori, basati su leggi e normative in cui si dica in modo chiaro e semplice, senza ambiguità e false interpretazioni, cosa fare e come comportarsi in determinati casi. Tutte cose che noi, come sindacato, chiediamo dal 2002».

Come detto, per l'arrivo del taser anche a Piacenza sarebbe ormai questione di giorni: quando arriveranno di preciso? «Questo è compito dell'Amministrazione - conclude Chiaravalloti - i taser saranno certamente pubblicizzati a dovere e spiegati nel dettaglio direttamente dal questore al momento opportuno».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Taser in arrivo per la polizia anche a Piacenza

IlPiacenza è in caricamento