Cronaca

Tentati furti in case e bar, condannati due albanesi e un romeno

Nuove condanne per i furti commessi in provincia da presunti appartenenti alla banda di Dracula. Furti che sarebbero stati commessi dopo il periodo in cui la banda avrebbe agito tra Piacenza, Rivergaro e Podenzano, tra il 2015 e l’aprile 2017. I colpi, che fecero partire una nuova inchiesta, vennero commessi, secondo la procura nel novembre del 2017

Nuove condanne per i furti commessi in provincia da presunti appartenenti alla banda di Dracula. Furti che sarebbero stati commessi dopo il periodo in cui la banda avrebbe agito tra Piacenza, Rivergaro e Podenzano, tra il 2015 e l’aprile 2017. I colpi, che fecero partire una nuova inchiesta, vennero commessi, secondo la procura nel novembre del 2017. I tre imputati hanno scelto il rito abbreviato. Il giudice Laura Pietrasanta ha condannato, il 21 ottobre, per furto e tentato furto Federik Shtjefeni, albanese di  36 anni, a 4 anni (difeso dall’avvocato Stefano Gerunda, Foro di Milano); Lorenc Ndoj, albanese di 28 anni, a 4 anni e 4 mesi (difeso dall’avvocato Mauro Pontini); Marius Enescu, romeno di 31 anni (difeso dall’avvocato Antonino Rossi) a 4 anni e 5 mesi. Shtjefeni è agli arresti domiciliari, Ndoj in carcere, mentre Enescu risulta essere evaso dai domiciliari. In totale su quattro colpi, agli accusati ne è riuscito solo uno, mentre gli altri sono andati a vuoto. Per questi ultimi, infatti, l’accusa era di tentato furto. Secondo le indagini dei carabinieri, Shtjefeni e Ndoj, a Vigolzone, riuscirono a penetrare nell’abitazione di un uomo - dopo essersi arrampicati lungo un pluviale - e a portare via beni diversi per un valore di 500 euro, 150 euro in contanti, un anello d’oro e un orologio. In una ltro tentativo, Shtjefeni cerco di colpire in un bar di via Colombo. Entrato forzando una porta posteriore, cercò di forzare le slot machines, ma scattò l’allarme e i ladri fuggirono. In un altro appartamento, a Carpaneto, i malviventi tagliarono la rete di recinzione, si arrampicarono su un pluviale, ma l’abbaiare dei cani li costrinse a fuggire.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentati furti in case e bar, condannati due albanesi e un romeno

IlPiacenza è in caricamento