menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
A destra un fotogramma del rapinatore armato

A destra un fotogramma del rapinatore armato

Tentò di rapinare la tabaccheria con la pistola: all'arresto i carabinieri lo trovano mentre spaccia

I militari di Cremona hanno bloccato il presunto autore della tentata rapina in un esercizio di Castelvetro lo scorso 10 febbraio

E' stato arrestato il rapinatore che lo scorso 10 febbraio aveva tentato di derubare una tabaccheria a Castelvetro con una pistola. Si tratta di un cremonese di 27 anni, pregiudicato e disoccupato: quando i carabinieri della Sezione operativa della città lombarda lo hanno individuato per notificargli l'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal tribunale di Piacenza, lo hanno trovato che spacciava droga sotto casa. Il giovane è accusato anche di una seconda rapina in una farmacia del Cremonese avvenuta sempre nello stesso periodo, oltre che di ricettazione per essere stato fermato pochi giorni fa a bordo di un'auto rubata.
La prima rapina era avvenuta alla tabaccheria Rovaris di Castelvetro il 10 febbraio a mezzogiorno, quando il giovane -  F.L. le sue iniziali - era entrato con il volto coperto e tenendo una mano dentro una busta di carta, lasciando intendere che impugnasse una pistola, e minacciando la commessa di consegnargli tutto l’incasso. Solamente la prontezza della donna e la sua reazione hanno messo il malvivente in fuga. Successivamente aveva fatto la stessa cosa in una farmacia di Sesto e Uniti, in provincia di Cremona.

Le indagini dei carabinieri della Compagnia cremonese comandata dal maggiore Rocco Papaleo, delegate dalla procura di Piacenza e coordinate dal pm Antonio Colonna, hanno permesso di individuare il rapinatore grazie anche ad alcune telecamere di sorveglianza. Qualche giorno dopo, inoltre, era stato bloccato da una pattuglia alla giuda di un'auto rubata, con addosso gli stessi vestiti utilizzati per i due tentativi di rapina.
L'altra mattina i carabinieri della sezione operativa del Norm, guidati dal sottotenente Camillo Calì, si sono presentati a casa sua per arrestarlo, ma lo hanno trovato mentre spacciava eroina a un coetaneo. In casa aveva altra droga pronta in dosi e un bilancino: tutto questo gli è costata una ulteriore denuncia per spaccio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Paga per sbloccare il pacco": attenzione alla nuova truffa via sms

Attualità

Inps: «Nuovo tentativo di truffa tramite e-mail»

social

Bonus vacanze 2021: come funziona?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento