menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tentò la rapina in un’abitazione, condannato a due anni

Caorso, un marocchino che aveva anche ferito i proprietari che lo avevano bloccato in casa consegnandolo poi ai carabinieri. L’uomo ha detto di essere estraneo al colpo e che i responsabili sono due tunisini

Era stato bloccato dai proprietari dell’abitazione che avrebbe cercato di svaligiare e poi consegnato ai carabinieri che lo avevano arrestato. Un marocchino di 40 anni, Abdellatif El Ghami, è stato condannato a 2 anni per tentata rapina e lesioni dal giudice per l’udienza preliminare Luca Milani. Il pm Ornella Chicca ha chiesto 3 anni e 8 mesi per rapina. Per l’avvocato difensore Valentina Marchettini l’uomo andava assolto, oppure il reato da considerarsi era un tentativo di rapina perché lui non si è impossessato di nulla. E il giudice ha accolto la richiesta, derubricando il reato.

L’uomo, nel dicembre dello scorso anno, era stato fermato da due uomini, in una casa di Caorso, dove era in corso un furto. Svegliati di soprassalto dai rumori, i proprietari hanno cercato di inseguire i ladri. Il colpo, però, si è trasformato in rapina perché l’immigrato era stato coinvolto nella colluttazione con i due proprietari, nel tentativo di fuggire. L’uomo aveva provocato delle lesioni a noi dei due uomini.

Secondo il suo racconto, il 40enne si è detto estraneo alla rapina. L’uomo sarebbe arrivato in treno dalla Francia ed era diretto a Bologna. Sceso a Piacenza, avrebbe incontrato due tunisini che gli avevano offerto un posto dove trascorrere la notte. In realtà, i tre sarebbero andati a Caorso. I tunisini avrebbero detto al marocchino di aspettare all’esterno di una abitazione. Non vedendoli più tornare, il marocchino ha detto di aver bussato alla porta, trovandosi di fronte i due proprietari che lo hanno ritenuto un rapinatore. Da qui lo scontro fisico e l’arresto. Il 40enne è finito in carcere, dove è rimasto fino al giorno dell’udienza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Il giardino di via Negri è un ritrovo di spacciatori»

Attualità

Usb: «Non saremo con i Si Cobas davanti alla Cgil»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento