rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Cronaca

Terremoto: come aiutare la popolazione colpita. Attivate raccolte fondi a Piacenza

Anche a Piacenza la macchina della solidarietà piacentina si è messa in moto, ecco come aiutare le popolazioni colpite dal sisma nell'italia Centrale

Anche a Piacenza la macchina della solidarietà piacentina si è messa in moto, ecco come aiutare le popolazioni colpite dal sisma nell'italia Centrale

1 -  Poste Italiane e Croce Rossa Italiana attivano conto corrente

Poste Italiane è vicina alle comunità del Centro Italia gravemente colpite dal sisma ed è impegnata sin dalle prime ore in azioni di sostegno ai residenti nelle zone terremotate. Poste Italiane, in collaborazione con la Croce Rossa Italiana, ha istituito un conto corrente attivo già da oggi per le donazioni a favore degli abitanti dei centri gravemente danneggiati dal terremoto. Il conto corrente è intestato "Poste Italiane con Croce Rossa Italiana - Sisma del 24 agosto 2016"c/c 900050, codice IBAN IT38R0760103000000000900050; il codice BIC/SWIFT per inviare bonifici dall’estero è BPPIITRRXXX.   Poste Italiane, inoltre, d'intesa con il Dipartimento della Protezione Civile, ha attivato attraverso l’operatore telefonico Poste Mobile la numerazione solidale 45500 per la raccolta fondi. Tutti i clienti PosteMobile possono donare 2 euro tramite l’invio di un SMS. In queste ore Poste Italiane sta lavorando in stretta collaborazione con la Protezione Civile e le altre istituzioni per assicurare la continuità dei servizi postali e finanziari ai cittadini dei comuni colpiti. I tecnici di Poste Italiane sono impegnati a verificare l’efficienza delle strutture e delle tecnologie nelle regioni interessate dal sisma per ripristinarne la piena funzionalità con la massima rapidità. 

2  -  La Lega Nord piacentina si mobilita a favore delle popolazioni dell’Italia centrale colpite dal terremoto.

La segreteria provinciale e il Movimento Giovani Padani parteciperanno infatti alla raccolta di generi di prima necessità promossa dalla Lega Nord Emilia. Presso la sede del movimento i cittadini potranno donare alimenti a lunga conservazione e bevande, articoli per l’igiene personale, indumenti e calzature per adulti e bambini, coperte, sacchi a pelo e farmaci da banco. Per i bambini anche latte in polvere, omogeneizzati, pannolini, ciucci e biberon. Le offerte dovranno essere consegnate in via Vaciago 12 (angolo corso Europa, in prossimità del residence Europa e della curva sud dello stadio Garilli) domani venerdì 26 dalle 14,30 alle 17, sabato 27 dalle 10,30 alle 12,30 e lunedì 29 dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 15 alle 18. Donazioni in denaro non saranno accettate.

3 - Coldiretti, anche da Piacenza aiuti alimentari ad Amatrice

E’ una mobilitazione di solidarietà, quella scattata tra gli imprenditori agricoli della Coldiretti che anche da Piacenza, in sinergia con Coldiretti Emilia Romagna, farà giungere nelle zone terremotate dell’Italia Centrale beni alimentari. L’iniziativa, sotto il coordinamento della Confederazione Nazionale Coldiretti che mantiene uno stretto contatto con la Protezione Civile, è finalizzata ad inviare generi di prima necessità e provenienti dalle aziende agricole e dai partner economici di Coldiretti nei territori colpiti dal sisma per mezzo dell'unità di crisi attivata dalla stessa organizzazione le cui attività proseguiranno senza sosta anche nei prossimi giorni, nella consapevolezza che l'emergenza alimentare degli sfollati è destinata a protrarsi ancora per giorni, se non addirittura settimane. Dalla pasta alla farina da panificazione, dalla passata di pomodoro sino al Grana Padano, questi i principali prodotti che da Piacenza saranno inviati ai campi base allestiti presso cui troveranno riparo migliaia di persone che si trovano senza tetto. Ad aderire all’iniziativa, oltre ad Arp e al Molino Dallagiovanna, sono numerosi i caseifici che stanno offrendo in queste ore la propria disponibilità. Gli uffici di Coldiretti Piacenza sono attivi nel coordinare le operazioni di raccolta e le segnalazioni di interesse che dovessero pervenire. A preoccupare, fa sapere Coldiretti Piacenza, sono anche le esigenze delle aziende agricole terremotate che necessitano di generi per l’alimentazione zootecnica e di mezzi tecnici produttivi indispensabili per garantire la continuità delle attività e, di conseguenza la capacità di produrre cibo per le comunità messe a dura prova da questa tragedia. Il Consorzio Agrario Terrepadane, insieme agli altri consorzi dell’Emilia Romagna, sono pronti ad intervenire per sostenere le esigenze delle aziende dei territori colpiti.

4 - Electroshocking e Movimento Cristiano Lavoratori

In questo momento l'unica cosa che conta è l'aiuto concreto. Per questo, nel nostro piccolo, noi di Electroshocking, ci uniamo all'iniziativa di MCL Piacenza che ha allestito presso la nostra sede comune di Piazzale Crociate un centro di raccolta di generi di prima necessità a favore delle popolazioni colpite dal terremoto. Quindi invitiamo chiunque potesse a dare il proprio contributo. 

5 - Caritas e parrocchie

La Chiesa piacentina, si affianca al Papa, esprimendo il proprio dolore e vicinanza a quanti stanno soffrendo a causa del terremoto che ha colpito l’Italia Centrale ed in particolare le province di Rieti, Ascoli Piceno, di Perugia e di Fermo. E in conseguenza al sisma la Presidenza della CEI ha disposto l’immediato stanziamento di 1 milione di euro dai fondi dell’otto per mille per far fronte alle prime urgenze e ai bisogni essenziali. La Presidenza della CEI ha inoltre indetto una colletta nazionale, da tenersi in tutte le Chiese italiane domenica 18 settembre 2016, in concomitanza con il 26° Congresso Eucaristico Nazionale, come frutto della carità che da esso deriva e di partecipazione di tutti ai bisogni concreti delle popolazioni colpite. «Un segno concreto – ha sottolineato don Francesco Soddu, direttore di Caritas Italiana – di comunione e di vicinanza delle Chiese che sono in Italia a quanti sono stati colpiti da questa tragedia». In risposta all’invito dei vescovi italiani alle “diocesi, la rete delle parrocchie, gli istituti religiosi e le aggregazioni laicali, ad alleviare le difficili condizioni in cui le persone sono costrette a vivere», la Caritas diocesana di Piacenza-Bobbio rilancia l’appello alla solidarietà, promuovendo una raccolta fondi che verranno messi a disposizione di Caritas Italiana per la fase immediatamente successiva all’emergenza. Per sostenere gli interventi a favore della popolazione colpita dal sisma si possono anche utilizzare le seguenti modalità: versamento diretto presso i nostri uffici in Via Giordani, 21 a Piacenza dalle ore 9 alle 12 dal lunedì al venerdì: C/C bancario tramite Banca di Piacenza intestato a Fondazione Caritas Diocesana (causale “SISMA ITALIA CENTRALE”). Iban: IT61 A 05156 12600 CC0000032157.  num conto: 00-32157

6 - Rifondazione comunista e Acquisto solidale di Piacenza

Raccogliendo le richieste che arrivano dai luoghi del terremoto (già si sta formando in loco ed a livello nazionale una rete di solidarietà per la prima emergenza) come Rifondazione Comunista di Piacenza, unitamente al GAP di Piacenza (Gruppo di acquisto solidale) stiamo ora raccogliendo materiale di prima necessità sulla base di un elenco inviatoci dai primi gruppi attivi tra Accumuli e Amatrice (le località più colpite)

In particolare si tratta di:

- ciboalungascadenza(acqua,pasta,scatolame,tonno,carneinscatola,verdure,

- biscotti, latte, zucchero, sale, fette biscottate, marmellate, ecc)

- prodottiperigienepersonale(assorbenti,pannolini,pannolonidaadulti,salviette,

- dentifrici, spazzolini, saponi, shampoo, carta igienica, fazzoletti, garze, ecc)

- scottex,tovaglioli,piattiebicchieridiplastica,garze,batterieepile

- coperte,asciugamani,

- abbigliamentoinottimostatoelavati(Biancheriaintima,Maglioni,Scarpe,Pantaloni, Giacche a vento)

A Piacenza il punto di raccolta di questo materiale è presso la sede di Rifondazione Comunista in Via Tortona 19 .. per informazioni telefonare al 339 1016458 (Cesare Maggi). Al di là della prima risposta (anche se minima) ai bisogni che quelle popolazioni promuoviamo da oggi un progetto di solidarietà dal basso che possa svolgersi con efficacia anche in un tempo medio-lungo. A Piacenza, tramite il GAP (Gruppo di acquisto solidale) abbiamo avviato da tempo un progetto di mutualismo popolare che va dal Dentista sociale, alla psicoterapia sociale, alla spesa popolare, ecc ecc. Nelle prossime settimane cercheremo di mettere a disposizione queste competenze anche a sostegno delle popolazioni colpite dal sisma, cercando tramite i gruppi di solidarietà che si stanno formando in quei luoghi, soluzioni logistiche ed organizzative per rendere praticabile anche questo progetto, per cercare di rispondere (nelle nostre possibilità e per quanto la solidarietà dei cittadini di Piacenza permetterà) anche alla mancanza di strutture di prima assistenza, lesionate o distrutte dal sisma. Per infoormazioni o contatti:
Cesare Maggi (PRC Piacenza) - 339 1016458 Lino Anelli (GAP Piacenza) – 339 7448637 

7 - Tifosi e giocatori Piacenza Calcio

Anche i tifosi del Piacenza Calcio si mobilitano per aiutare le popolazioni colpite dal terremoto nell'Italia Centrale. Il 26 agosto nel parcheggio dello stadio in via Gorra dalle 16.30 alle 19 saranno presenti con un banchetto per raccogliere fondi e materiale. Anche i giocatori al termine dell'allenamento porteranno il loro contributo. 

8 - COOP

Si possono donare un minimo di 200 punti (o multipli). Ogni donazione di 200 punti corrisponde a 2 euro. La Cooperativa raddoppierà il valore dei punti donati. Le risorse saranno destinate ad attività di ricostruzione definite con la Croce Rossa e la Protezione Civile Coop Alleanza 3.0 prosegue nel sostegno ai territori colpiti dal sisma nel Centro Italia. Da oggi, venerdì 26 agosto, nei negozi della Cooperativa di consumatori i soci possono dare un ulteriore contributo donando in solidarietà i punti della Raccolta Coop 2016, scegliendo la causale “Emergenza terremoto”. Si possono donare un minimo di 200 punti (o multipli). Ogni donazione di 200 punti corrisponde a 2 euro. Coop Alleanza 3.o raddoppierà il valore di ogni donazione. Le risorse saranno destinate ad attività di ricostruzione definite in raccordo con la Croce Rossa e la Protezione Civile. Chi vorrà, inoltre, potrà devolvere somme in denaro sul conto corrente presso Unicredit Spa (IBAN IT 73 A 02008 02854 000104429141, intestatario del c/c Coop Centro Italia causale “Raccolta fondi per terremoto”). I fondi raccolti, in accordo con le singole cooperative e di concerto con Ancc Coop (Associazione nazionale cooperative di consumatori), saranno indirizzati verso uno specifico intervento di ricostruzione, in linea con le esigenze espresse dalle popolazioni colpite e dalle amministrazioni locali.
Anche gli utenti di CoopVoce, l’operatore mobile di Coop, possono effettuare la donazione di 2 euro al numero 45500 della Protezione Civile. Coop Alleanza 3.0, infine, ha effettuato già nei giorni scorsi donazioni di prodotti di prima necessità nelle aree più prossime a quelle colpite da sisma, in collaborazione con Arci e Libera, in favore di Croce Rossa, Caritas e Protezione Civile.

9 -MUSEI CIVICI DI PIACENZA

I Musei civici di Palazzo Farnese, il museo civico di Storia Naturale, la Galleria d’arte moderna Ricci Oddi e Kronos – Museo della Cattedrale, aderiranno domenica alla proposta lanciata dal ministro alla Cultura, Enrico Franceschini che invita tutti gli italiani ad “andare nei musei in segno di solidarietà con le popolazione coinvolte dal sisma della scorsa notte”. I Musei cittadini destineranno dunque gli incassi della giornata di domenica 28 agosto ai territori colpiti dal sisma.

10 - UNIONE COMMERCIANTI

Giorgia Tosi, neo presidente di FIDA CONFCOMMERCIO PIACENZA, aderente ad Unione Commercianti Piacenza – Confcommercio Imprese per l’Italia, insieme alla Vicepresidente Antonia Polenghi, appresa la notizia del terribile terremoto che ha colpito il centro Italia ha attivato in poco tempo un’importante rete di solidarietà coinvolgendo i propri colleghi. I negozi alimentari aderenti hanno messo a disposizione degli spazi presso i propri punti vendita per raccogliere tutto ciò che può essere utile alle famiglie rimaste senza casa e costrette a vivere questa situazione in condizione avverse. Successivamente verrà organizzato il trasporto delle merci accordandoci con i colleghi di Confcommercio Rieti. Il materiale verrà raccolto entro il 10 settembre p.v. In questo particolare momento le popolazioni colpite dal sisma necessita di prodotti per l’igiene e articoli per l’infanzia. Anche un piccolo aiuto può fare grandi cose! Ecco l’elenco dei punti di raccolta: PIACENZA La Canteina, Via Felice Frasi, 33 DiMeglio Via Antonio Emmanueli, 33 DiMEglio Via Giuseppe Taverna, 86 PROVINCIA Crai San Polo, Via C Colombo 72 Sigma Carpanento P.tino, Via Pallastrelli, 1 Sigma Castel San Giovanni, Via Montanara, 6 Sigma Bettola, Via Leonardo da Vinci, 23 Sigma Pianello, Via Leonardo da Vinci, 23 Falegnameria del Gusto Rivergaro, Via Roma, 11 !!!! ATTENZIONE !!!! Qualora vi fossero altre negozi interessati a diventare punto di raccolta l’invito è mettersi in contatto con la segreteria di Fida Piacenza allo 0523 461811 oppure scrivendo una mail a affarigenerali@unionecommerciantipc.it, si provvederà di giorno in giorno ad aggiornare le lista degli aderenti. 

11 - LPR VOLLEY E BULLA SPORT

Il 24 agosto scorso il centro Italia è stato colpito da tremende scosse di terremoto che hanno distrutto case, paesi e, soprattutto, vite. Uno dei tanti, consapevole che anche a distanza si può fare tanto, è Valter Bulla. Il titolare di Bulla Sport e ormai storico sponsor della LPR Volley, dopo essersi attivato per sostenere gli alluvionati della Val Nure del 14 settembre 2015 ha realizzato una nuova maglia a sostegno dei terremotati del centro Italia il cui ricavato andrà interamente devoluto a loro favore. Le t-shirt prodotte fino ad ora sono 450 e sono acquistabili al prezzo di €20 presso lo store di Bulla Sport (via Cristoforo Colombo 85, Piacenza); nei prossimi giorni le maglie si potranno trovare anche in ulteriori 2 punti vendita (per maggiori informazioni contattare lo 0523.606215 - negozio Bulla Sport). Tutto il denaro raccolto sarà gestito dalle Ronde della Carità e della Solidarietà, Associazione benefica di Piacenza. I giocatori della LPR Piacenza, sensibili e solidali, aderiscono all’iniziativa e la supportano con viva partecipazione.

12 - CONFAGRICOLTURA

Confagricoltura si attiva per l'emergenza nelle aree devastate dal sisma. “Anche a livello locale – spiega Giovanni Merli, presidente del Sindacato Pensionati di Confagricoltura Piacenza – sosterremo la ricostruzione attraverso la rete di solidarietà che si avvale della nostra Onlus 'Senior – L’Età della Saggezza'. Siamo vicini a queste popolazioni sfortunate e invitiamo ciascuno ad attivarsi. Confagricoltura ha deciso di coordinare gli aiuti mediante l’onlus del nostro sindacato che ha da poco cambiato nome in Associazione nazionale pensionati agricoltori ed è proiettato a intervenire in varie situazioni in cui è necessario un aiuto solidale attraverso l’attività dell’’Età della saggezza’. Il sisma ha colpito un territorio dove l’agricoltura è la principale fonte di reddito, la nostra associazione vuole fare sentire la propria vicinanza e offrire il proprio aiuto”. Confagricoltura sta ultimando il monitoraggio sul territorio, per venire incontro alle esigenze degli agricoltori delle aree colpite dal terremoto e sostenerli, pianificando con le organizzazioni territoriali le azioni da intraprendere per aiutare, il più possibile, la ripresa delle normali attività. Per alimentare il canale di solidarietà gli associati, i dipendenti e coloro che hanno usufruito dei servizi alla persona (CAF, Patronato e mutua Fima) possono contribuire facendo confluire le donazioni sul conto ONLUS “Senior – l’Età della Saggezza”, Monte dei Paschi di Siena, IBAN: IT 79 Q 01030 03241 000063126678, ricordando di inserire la causale: AIUTI PRO TERREMOTATI CENTRO ITALIA 2016. Le donazioni effettuate dalle persone giuridiche e/o fisiche potranno essere portate, in deduzione/detrazione nella prossima dichiarazione dei redditi.

13 - ASSIGECO BASKET

L'Ucc Assigeco Piacenza intende aiutare concretamente le popolazioni del Centro Italia colpite duramente dal terremoto del 24 agosto scorso, promuovendo una raccolta di fondi approfittando dell'affluenza di amici e tifosi al Palabanca, durante le partite amichevoli dei prossimi sabato 17 e domenica 25 settembre. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto: come aiutare la popolazione colpita. Attivate raccolte fondi a Piacenza

IlPiacenza è in caricamento