Toyota, parte la campagna di richiamo a Piacenza: «Nessun allarme»

Telefoni roventi - decine di telefonate giornaliere da venerdì scorso - stanno intasando i centralini dei concessionari Toyota, dopo l'eco mediatica che ha preso la recente campagna di richiamo sui «pedali difettosi». Da oggi partono i controlli nel Piacentino: 1.000 auto coinvolte. I concessionari: «Nessun allarme, le auto sono sicure»

La sede centrale della Toyota
Da semplice «richiamo precauzionale» si è trasformato in una sorta di psicosi collettiva. Titolo a fondo in borsa e paura per gli azionisti. La bomba è scoppiata la settimana scorsa: alcune vetture Toyota hanno «pedali difettosi». Potrebbero rimanere schiacciati, non "limando" la corsa non appena tolta la pressione del piede. Apriti cielo. Anche all'ombra del Gotico non si è scampati alla paura. Prime pagine sulla stampa internazionale e disquisizioni sulla sofisticazione tecnologica - in materia di sicurezza costruttiva - degli stabilimenti del colosso giapponese.

«TROPPA TRASPARENZA» - Abbiamo provato a fare un po' di chiarezza sul tema, parlando con Massimo Morici, titolare di una nota concessionaria Toyota a Piacenza. Innanzitutto Morici non nega, durante la scorsa settimana, «di aver ricevuto decine di telefonate al giorno di gente preoccupata». «La psicosi c'è stata anche qui. Purtroppo - bacchetta la stampa - gran parte della paura è dovuta ai mass media, che hanno ingigantito la questione. In realtà, nel mondo, ogni giorno decine di case automobilistiche fanno richiami: solo che nessuno li rende pubblici. Forse l'errore della Toyota, paradossalmente, è stata la troppa trasparenza... ».

FORSE 1.000 AUTO COINVOLTE A PIACENZA - Sono otto i modelli coinvolti, prodotti in tutt'Europa: AYGO, iQ, Yaris, Auris, Corolla, Verso, Avensis e RAV4. Oggi i primi clienti piacentini sono stati contattati, con l'arrivo degli elenchi dei telai. Si stima, in tutta la provincia, siano un migliaio le auto coinvolte. «Ma attenzione - sottolinea Morici -, la sostituzione, forse, riguarderà il 10% degli interessati: più che altro si tratta di un controllo precauzionale, per vedere se il pezzo si stia deteriorando o meno. Non si hanno notizie di incidenti o di inconvenienti qui in Italia, e nemmeno in Europa. La gente può stare tranquilla». 

   






Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Come non sporcare la mascherina con il trucco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento