Tra i vincitori del concorso per agenti c’è anche il "figliastro" del comandante Vergante: polemiche a Monza

L’ex comandante della polizia municipale di Piacenza Piero Romualdo Vergante al centro delle polemiche nel comune capoluogo brianzolo: le assunzioni sono state sospese

Piero Romualdo Vergante ai temi del suo incarico a Piacenza

A Monza - come raccontano le cronache locali - si è aperto un caso: tra i neo assunti delle fila della polizia municipale locale c’è anche il “figliastro” del comandante del corpo di polizia locale. E il comandante è Piero Romualdo Vergante, ex numero uno della polizia municipale di Piacenza, che ha abbandonato la nostra città per andare a dirigere proprio la polizia municipale di Monza. I posti per nuovi agenti di un bando comunale erano sei: erano a tempo determinato, con la possibilità poi di diventare a tempo indeterminato. Il concorso è stato però sospeso dopo le polemiche scatenate dai partecipanti al bando: ben cinque sarebbero i “figli di” agenti già in servizio tra i 249 partecipanti. Nessuno dei cinque però ce l’avrebbe fatta ad arrivare in cima alla graduatoria, cosa che invece è riuscita al figlio della compagna del comandante Vergante. La graduatoria è stata sospesa dallo stesso Comune che sta facendo alcune verifiche, perché la cosa ha destato molti malumori in città e tra i partecipanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento