Trasforma la villa di famiglia in una centrale di spaccio, piacentino in manette

Un 44enne piacentino aveva trasformato la villa dei genitori vicino a via Campesio, nel residenziale quartiere Belvedere, in un centro di produzione e spaccio di marijuana. Centinaia di persone compravano la droga da lui perché di ottima qualità. Blitz dei carabinieri nella serata del 28 ottobre

La droga e tutto il materiale sequestrato dai carabinieri

Lo hanno bloccato mentre saliva in auto probabilmente per andare a un appuntamento con alcuni clienti e ora un 44enne piacentino incensurato si trova in carcere con l'accusa di produzione, coltivazione, detenzione di droga ai fini di spaccio. Aveva trasformato la villa dei genitori, avuta da poco in eredità, vicino a via Campesio, nel residenziale quartiere Belvedere, in un centro di produzione e spaccio di marijuana. Il blitz dei carabinieri del Nucleo Radiomobile e della Stazione di Piacenza principale è scattato alle 23 del 28 ottobre. A lui i militari sono arrivati dopo indagini, appostamenti e al termine di alcune attività investigative volte al contrasto dello spaccio di droga nella nostra città. Il piacentino era un vero e proprio "coltivatore diretto": aveva in casa 47 piante di marijuana lasciate ad essiccare in mansarda e nella taverna appese a fili di ferro, in un piccolo stanzino aveva ricavato una serra dove con le lampade al sodio faceva crescere le piantine. I militari hanno trovato inoltre 800 grammi di hascisc divisa in buste pronte alla vendita, due ovuli di "fumo" identici a quelli trovati in una cantina alla Besurica qualche tempo fa, soldi contanti, spinelli pronti, bilancino di precisione, una pistola calibro 765 del padre regolarmente denunciata ma in una abitazione differente rispetto a quella indicata per la detenzione, 15 proiettili, uno sfollagente, un manuale per la coltivazione dell'erba, un essicatore elettrico, lampade al sodio, decine di vasi, centinaia di semi e chili di concime. L'Arma stima che il piacentino, sposato con un figlio, avesse avviato questo giro di produzione e spaccio da circa 2 anni, riuscendo, solo negli ultimi tre mesi, a guadagnare 40mila euro a fronte di centinaia di clienti che vedeva nella villa o anche in giro per la città, centomila euro invece il valore della merce all'interno dell'abitazione. I militari hanno trovato appuntati su alcuni fogli di carta centinaia di numeri telefoni cellulari e diverse agendine dove teneva conto della sua fruttuosa attività. Le indagini sono coordinate dal sostituto procuratore Antonio colonna. Il 44enne ora si trova alle Novate a disposisione dell'autorità giudiziaria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

Torna su
IlPiacenza è in caricamento