rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca Podenzano

Travolse una donna, parla uno dei carabinieri che indagò sul pirata

L'incidente era avvenuto nel 2016 davanti all'Arp di Gariga. La donna era stata anche sanzionata perché ha attraversato dove non poteva. L'auto pirata era stata poi rintracciata grazie alle telecamere e ad alcuni pezzi dell'auto persi nell'impatto

Nel novembre del 2016 ha travolto una 62enne che stava attraversando la strada davanti all'Arp di Gariga (Podenzano), poi era scappato ma i carabinieri di San Giorgio in poco tempo lo avevano rintracciato e denunciato. La donna aveva riportato gravi traumi ed era stata portata in elicottero a Parma. I militari grazie ad alcuni pezzi dell'auto persi nell'impatto e ad alcuni testimoni, lo avevano identificato e poco dopo erano andati a prelevarlo sul luogo dii lavoro a Vigolzone, dove probabilmente si stava recando quando avrebbe travolto la donna. Utile anche la telecamera all'ingresso di Podenzano per risalire alla targa della Fiat Stilo. Il giovane albanese, che ora ha 23 anni, era accusato di lesioni stradali e omissione di soccorso. Nella mattinata del 27 gennaio si è svolta l'ultima udienza (pm Paolo Maini, giudice Ivan Borasi) durante la quale è stato ascoltato il carabiniere che aveva eseguito i rilievi dell'incidente, in quella scorsa alcuni testimoni oculari e un altro militare. E' emerso anche che la donna era stata sanzionata perché attraversava la strada in un punto non consentito. Il processo è stato rinviato e nella prossima udienza ci sarà la discussione e la sentenza. Il giovane albanese è difeso dall'avvocato Vittorio Antonini. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Travolse una donna, parla uno dei carabinieri che indagò sul pirata

IlPiacenza è in caricamento