«Tre notti nei boschi cibandosi di ciliegie». Così Madalina ha trascorso i giorni lontana da casa

Il maggiore Emanuele Leuzzi e il maresciallo Raffaello Gnessi dei carabinieri, insieme al sindaco Quintavalla, hanno fornito i particolari della vicenda che per giorni ha provocato apprensione tra i cittadini di Castelvetro Piacentino

Leuzzi, Quintavalla, Gnessi, Mariotti (foto Trespidi)

Tre notti trascorse fuori casa, nelle aree boschive lungo gli argini del Po e tra gli arbusti, cibandosi di ciliegie. Cosi Madalina Claudia Husaru, 17enne di Castelvetro di cui non si avevano più notizie da martedì 30 maggio, è sopravvissuta per quattro giorni, dopo essersi allontanata «per paura di fare brutta figura a scuola la mattina della sparizione, quando avrebbe dovuto avere due compiti in classe; e per la reazione che avrebbero potuto avere i genitori». Il maggiore Emanuele Leuzzi, comandante della compagnia dei carabinieri di Fiorenzuola e il maresciallo Raffaello Gnessi della stazione di Monticelli, hanno raccontato i particolari della vicenda che per giorni ha provocato apprensione tra i cittadini di Castelvetro Piacentino, e che si è risolta nella notte tra il 2 e il 3 giugno, quando all’1.30 Madalina ha fatto rientro a casa. Poco prima, alle 21, una fiaccolata per le vie del paese aveva visto coinvolte numerose persone: amici, parenti, genitori in prima fila con in mano la fotografia della figlia.

LA SCOMPARSA – Erano le 7 di martedì 30 maggio quando Madalina è stata accompagnata dal padre alla fermata dell’autobus, davanti al bar “k2” di Castelvetro. Lì è rimasta da sola con le sue amiche, con le quali si sarebbe dovuta recare all’Istituto “Anguissola” di Cremona che frequenta. In classe però non vi è mai arrivata e alle 9 la madre della ragazza, Veronica, grazie al registro elettronico sapeva che la figlia non era a scuola. A Cremona ci è arrivata per fingere di andare a lezione, poi è ritornata a Castelvetro e ha iniziato a girovagare per il paese. La sera del 30 maggio Madalina non ha fatto rientro a casa.

LE RICERCHE - Il cellulare è rimasto acceso fino alle 18.40 del 30 maggio per poi smettere di funzionare. La cella telefonica agganciata l’ultima volta dal dispositivo è stata quella di Castelvetro. Ecco perché la Prefettura di Piacenza, dopo la denuncia di scomparsa da parte dei genitori, ha dato il via alle ricerche nel primo pomeriggio del 31 maggio, con il campo base allestito di fronte al Municipio del paese. Subito si sono attivati vigili del fuoco, carabinieri forestali, della stazione di Monticelli e del radiomobile di Fiorenzuola; e tantissimi volontari del Coordinamento provinciale di Protezione Civile. Per tre giorni, fino alla tarda serata del 2 giugno, uomini, mezzi, unità cinofile, hanno battuto in lungo e in largo ogni luogo di Castelvetro: cascine, carraie e gli argini del Po sono stati controllati palmo a palmo, con la speranza di trovare qualche indizio che potesse ricondurre alla giovane. Operazioni effettuate grazie anche all’ausilio dell’elicottero e di un gommone dei vigili del fuoco. Alla postazione dei pompieri che hanno operato senza sosta dal mezzo Unità Comando Locale e alla stazione dei carabinieri, sono arrivate ogni giorno circa sette telefonate che segnalavano avvistamenti della ragazza, tutte poi risultate essere infondate. Il 2 giugno sarebbe stato il terzo giorno di ricerche e, come da protocollo, dopo 72 ore dalla denuncia della scomparsa e dall’inizio delle operazioni di ricerca, in serata era stato chiuso il campo base allestito in questi giorni di fronte al Municipio di Castelvetro, dopo la decisione della Prefettura di Piacenza della sospensione del lavoro delle squadre sul campo.

L'ARRIVO A CASA - L’apprensione in paese e soprattutto tra i coetanei della 17enne è sempre stata tantissima. Tantoché la madre della ragazza ha lanciato un appello alla trasmissione Rai "Chi l'ha visto" e nella serata del 2 giugno è stata organizzata una fiaccolata voluta dal sindaco Luca Quintavalla e dal parroco del paese. Dopo poco più di cinque ore, intorno all’1.20 della note tra il 2 e il 3 giugno, la svolta: Madalina è tornata a casa.

LE NOTTI TRASCORSE ALL'APERTO - clicca su continua

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento