«Tre opzioni da valutare per il futuro dell’unità spinale di Villanova»

L’ufficio di presidenza della Conferenza socio-sanitaria chiarisce la situazione sul futuro della struttura

«In merito alla seduta del 10 ottobre  dell’ Ufficio di Presidenza della conferenza Territoriale Socio-Sanitaria – spiega la presidente Patrizia Calza - al fine di assicurare un’informazione completa e corretta alla cittadinanza, ai livelli istituzionali e alle parti sociali ,nella consapevolezza che la vigilanza sulle comunicazioni deve essere almeno pari al livello delle aspettative che temi fondamentali  come la salute e la sanità suscitano, mi è fatto obbligo dal ruolo che ricopro e a nome dei Componenti dell’Ufficio di Presidenza di fornire alcune precisazioni     di metodo e merito riferite  al ruolo dell’Ufficio di Presidenza della CTSS PC e al percorso istituzionale Futuro in Salute che  l’Organismo - a nome e per conto dei 48 Sindaci della Provincia - sta governando.

Quanto ai contenuti  si fa presente che nell’occasione si sono messi in discussione aspetti parziali di ipotesi e frammentari elementi di possibili opzioni all’interno di uno scenario molto più articolato e complesso. E proprio perché il ruolo dell’Ufficio di Presidenza della CTSS PC è quello di preparare al meglio le sedute dell’assemblea plenaria dei Sindaci (cd. sedute CTSS) al fine di valutare e decidere in quella sede le opzioni più efficienti efficaci ed eque sulla base degli scenari più completi e alla luce dei dati più esaustivi, mi preme ricordare che per quanto attiene al paventato spostamento dell’Unità Spinale da Villanova a Fiorenzuola questa non è che una tra le tre alternative oggi in campo (Potenziamento Unità Spinale di Villanova, Trasferimento Unità Spinale da Villanova a Fiorenzuola, Polo riabilitativo in rete tra Fiorenzuola-Villanova) attualmente oggetto di analisi e di valutazione; opzioni che esiteranno in altrettanti studi di fattibilità per la valutazione comparata dei costi/opportunità, un prerequisito preliminare rispetto a qualsivoglia decisione. E poiché di rete si tratta, la soluzione della localizzazione del Polo riabilitativo piacentino – che va potenziato e rilanciato per reggere le sfide future e mantenere il livello di competitività indispensabile ad attrarre professionisti e utenti – trascina con sé anche la concomitante scelta di dove e come localizzare l’attività chirurgica programmata (assodato che gli interventi di emergenza convergeranno sull’H del Capoluogo) e l’assistenza intensiva collegata. Per questo occorre precisare che ancora si è lontani da  una definizione complessiva   dei Nodi Ospedalieri della Rete con la relativa implementazione/dismissione di funzioni e specializzazioni. Allo stato attuale decisioni così delicate e strategiche come quelle relative alla specializzazione e alla localizzazione dei Comparti Operatori - nella prospettiva non già di risparmiare bensì di garantire i livelli di sicurezza oggi richiesti dagli standard internazionali e dai parametri per l’accreditamento della strutture - sono decisioni ancora tutte da assumere di concerto tra Azienda e Sindaci e non paracadutate dal livello sovraordinato regionale sulla testa della cittadinanza

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Apprezzabile infine l’invito più volte sottolineato dai Componenti dell’Ufficio di Presidenza ad assumere un punto di vista territoriale e non già “comunale” nella valutazione delle varie opzioni .  Rispetto poi alla Questione dell’Unità Spinale,  gli stessi Sindaci di Villanova Freddi e di Fiorenzuola Gandolfi hanno tenuto a precisare la preferenza per opzioni che possano al contempo salvaguardare il patrimonio storico di competenze e professionalità di Villanova e al contempo ampliare lo spettro di competitività dell’offerta riabilitativa avvalendosi del supporto clinico specialistico assicurabile dal Nuovo presidio H di Fiorenzuola. Quanto al percorso istituzionale Futuro in Salute mi preme ricordare che il processo partecipato tra Sindaci e Ausl di ridisegno dei servizi sanitari territoriali e ospedalieri alla salute è un percorso istituzionale che è previsto - tra gli altri indirizzi normativi regolanti la salute territoriale - dalle stesse Linee guida regionali approvate nel 2015 di riordino della rete ospedaliera in applicazione degli standard ministeriali del Decreto Ministero Salute  70/2015 . Pertanto il risultato atteso - che è quello di una proposta di rete da presentare alla Regione per la valutazione – sarà proposto – come già è stato fatto per alcuni esiti intermedi – con la massima trasparenza e diffusione, ivi compresi i dati e le considerazioni a supporto delle decisioni. Ma soprattutto con la precisione, la completezza e la cura attese da un atto istituzionale tanto delicato e fondamentale  al fine di favorire  il dialogo e la conoscenza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco, prima litiga con il buttafuori poi picchia i carabinieri e li manda all'ospedale: arrestato

  • Tragico tamponamento fra Tir, autista muore schiacciato nella cabina

  • «Al pascolo non mi manca nulla, volevo questa vita all'aria aperta»

  • Sestri Levante, piacentino riempito di botte per un cellulare

  • Schianto all'incrocio tra via Martiri e via Boselli, due feriti

  • Valtrebbia, domenica di controlli e sanzioni sulla Statale 45 e nel fiume

Torna su
IlPiacenza è in caricamento