Deraglia un treno Frecciarossa fra Piacenza e Casalpusterlengo: due morti

Grave incidente ferroviario tra Piacenza e Lodi all'alba di giovedì 6 febbraio. Le vittime sono due macchinisti, decine i feriti

La scena dell'incidente

Grave incidente ferroviario tra Piacenza e Lodi all'alba di giovedì 6 febbraio. Dalle prime informazioni a disposizione si tratterebbe di un treno passeggeri deragliato alle 6, all'incirca nei pressi di Casalpusterlengo. Sul posto stanno intervenendo numerose squadre di soccorsi sia dalla Lombardia che dall'Emilia. Anche tre squadre dei vigili del fuoco sono partite da Piacenza per intervenire sul luogo dell'incidente. Al momento non si sa se vi siano feriti o vittime e quante persone siano rimaste coinvolte. Fonti da verificare riferiscono che potrebbe trattarsi di un treno alta velocità.

AGGIORNAMENTO ORE 6.58deragliamento Lodi-2


E' confermato che si tratta di un treno alta velocità Frecciarossa. Dalle prime informazioni pare che la motrice del treno sia deragliata staccandosi dal resto del convoglio e andandosi a schiantare contro una cabina elettrica di servizio a margine della ferrovia. Deragliato anche il secondo vagone che si è inclinato su un fianco. Pare ci siano almeno venti feriti tra i passeggeri e i macchinisti. Al momento non si sa ancora se vi siano morti.

AGGIORNAMENTO 7.25


Il treno coinvolto è il Frecciarosa 9595 Milano-Salerno, deragliato nei pressi della stazione di Livraga, in provincia di Lodi. Tutti i treni, in entrambe le direzioni, sono stati instradati sulla linea convenzionale Milano-Piacenza con ritardi fino a 60 minuti.deragliamento Lodi-2

AGGIORNAMENTO ORE 8.04


E' di due vittime il bilancio dell'incidente ferroviario. Si tratta di due macchinisti. Una trentina in tutto i feriti trasportati dal 118 dell'Areu lombarda negli ospedali della zona. Nessuno sarebbe in pericolo di vita. La Polfer ha confermato che a bordo del treno, partito dalla stazione centrale di Milano alle 5,10, c'erano 28 passeggeri in tutto.

AGGIORNAMENTO ORE 9.30

Sono complessivamente sette i feriti dell'incidente ferroviario del Lodigiano che sono stati ricoverati nei nostri ospedali. All'ospedale di Piacenza sono stati ricoverati tre pazienti, a Castel San Giovanni altri 4. Le condizioni dei feriti non sono gravi (codici verdi). Le vittime del disastro ferroviario prese in carico nei nostri Pronto soccorso hanno riportato piccoli traumatismi, in particolare al torace. Sono quindi in corso accertamenti clinici radiologici. Sono stati messi a disposizione dei feriti e dei loro familiari servizi di supporto psicologico. I treni regionali fra Milano e Piacenza – sulla linea convenzionale Milano – Bologna – potranno subire rallentamenti o modifiche di percorso per lo svio del treno alta velocità 9595 Milano-Salerno nei pressi della stazione di Livraga (Lodi). I treni alta velocità utilizzano la linea convenzionale fra Milano e Piacenza con ritardi fino a 60 minuti. Il deragliamento poteva avere conseguenze molto più gravi. Il treno viaggiava con pochi passeggeri e - stando alle prime informazioni raccolte - soltanto uno era seduto nella carrozza in testa al treno. 

LE DUE VITTIME DEL DERAGLIAMENTO

deragliamento Lodi-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Piacenza usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio porta il coniuge trans a prostituirsi: «Arrotondiamo il bilancio familiare», denunciati

  • Coronavirus, la curva rallenta ma ci sono ancora 25 morti: in tutto 447 da inizio epidemia

  • La situazione nei comuni del Piacentino aggiornata al 25 marzo

  • «Un anziano ammalato di Covid in gennaio a Piacenza potrebbe essere il paziente 1». Inchiesta di Report in una clinica piacentina

  • Coronavirus, l'aggiornamento del 27 marzo sui comuni del Piacentino

  • La situazione nei comuni del Piacentino aggiornata al 26 marzo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento