menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tentano di ripetere la stessa truffa ma vengono riconosciuti e denunciati dai carabinieri

Due uomini si sono presentati al titolare di una ditta che lavora metalli in Valtrebbia, riferendo di essere dipendenti di una azienda che stava svolgendo perforazioni del terreno poco lontano, e gli hanno chiesto in prestito una barra di ottone da 1500 euro. L'imprenditore ha quindi riconosciuto uno di loro e ha chiamato i carabinieri

La buona memoria di un imprenditore gli ha evitato di subire una seconda truffa a distanza di 3 anni. Due uomini si sono presentati lunedì scorso al titolare di una ditta che lavora metalli in Valtrebbia, riferendo di essere dipendenti di una azienda che stava svolgendo perforazioni del terreno poco lontano. Un improvviso problema al perno di una trivella aveva reso necessaria un’operazione di sblocco attraverso una barra di almeno due metri di ottone, metallo resistente ma tenero e prezioso, soprattutto per il suo costo. Di qui la richiesta di ottenere in prestito, per poche ore, un simile manufatto.

Al titolare, 28 enne, la stessa richiesta era già stata fatta proprio tre anni prima, proprio da uno dei due uomini che aveva davanti a se e che bene ricordava. Memore di aver acconsentito allora, ma di non aver mai più ricevuto in restituzione la barra del valore di ben 1500 euro che anni fa aveva invece prestato, l’uomo decideva di avvertire i carabinieri di quanto stava accadendo cercando di non essere notato.

I due truffatori, insospettiti dall’atteggiamento guardingo dell’interlocutore, reputavano opportuno allontanarsi rapidamente a bordo di un furgone che, prontamente, veniva intercettato dai carabinieri di Rivergaro pochi minuti dopo sulla SP 28. I due, un 50enne ed un 35enne provenienti dalla provincia di Brescia, truffatori di professione e con più precedenti per analoghi reati, venivano identificati e denunciati per “tentata truffa in concorso” dagli uomini del Maresciallo Guasco, ai quali subito tornava alla memoria il 50enne, già denunciato proprio da loro 3 anni prima per altri 3 episodi analoghi perpetrati con identico modus operandi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Il giardino di via Negri è un ritrovo di spacciatori»

Attualità

Inps: «Nuovo tentativo di truffa tramite e-mail»

Attualità

"Paga per sbloccare il pacco": attenzione alla nuova truffa via sms

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento