Sabato, 20 Luglio 2024
Cronaca Bobbio

Truffano un fornitore con assegni scoperti: denunciati

Hanno emesso assegni scoperti per 11mila euro, truffando un fornitore piacentino che, sulla fiducia, continuava a dar loro materiale per le pulizie. Sono stati denunciati dai carabinieri per truffa, così, due uomini di origine napoletana di 44 e 42 anni. Alla richiesta di spiegazioni, si erano resi irreperibili

In tempi di recessione, avevano trovato un modo sicuro per non far lievitare i costi di fornitura della propria attività: non pagare. O meglio, fare finta di pagare con assegni postdatati. Che, inevitabilmente, si appoggiavano a conti correnti sguarniti e senza un euro. 

Il loro trucco, però, è stato ben presto segnalato ai carabinieri della compagnia di Bobbio, che li hanno denunciati per truffa in concorso ed emissione di assegni a vuoto. Nei guai sono finiti due venditori di origine napoletana di 44 e 42 anni, con piccoli precedenti. Vittima un grossista piacentino.  

I due avevano un'attività di vendita di materiale da pulizia. Il più giovane dei due, qualche tempo fa, contatta il fornitore di Piacenza, presentandogli l'amico, e dicendogli che quest'ultimo avrebbe voluto collaborare con lui. Per ingolosirlo, gli offrono subito il pagamento di una grossa fornitura di materiale: «Gli assegni, però - avrebbero detto al piacentino -, li facciamo postdatati». Per il fornitore non ci sono problemi. 

Ma la coperta è corta. I due continuano a richiedere materiale, emettendo assegni dal valore nullo. Si arriva a 11mila euro. Giunta la data della riscossione del primo assegno, il piacentino ha l'amara sorpresa: è scoperto. Tutti i titoli s'appoggiano a conti correnti vuoti. L'uomo cerca di rintracciare i due, ma si rendono irreperibili. Truffato di migliaia di euro di materiale, si rivolge così ai militari dell'Arma.    

In foto, nel mezzo, il capitano Fabio Longhi
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffano un fornitore con assegni scoperti: denunciati
IlPiacenza è in caricamento