Ubriaco cerca di violentare la moglie e poi la prende a pugni, arrestato

La notte del 2 luglio ha subìto per l'ennesima volta le violenze del marito ma i poliziotti delle volanti, provvidenziale il loro arrivo in pochi secondi, hanno impedito che la situazione degenerasse e ora in carcere con l'accusa di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali aggravate e violenza sessuale è finito un macedone di 51 anni

La notte del 2 luglio ha subìto per l'ennesima volta le violenze del marito ma i poliziotti delle volanti, provvidenziale il loro arrivo in pochi secondi, hanno impedito che la situazione degenerasse e ora in carcere con l'accusa di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali aggravate e violenza sessuale è finito un macedone di 51 anni. L'uomo quella notte, ubriaco come era spesso, aveva cercato di costringere la moglie, una sua connazionale, ad avere un rapporto sessuale palpeggiandola violentemente, lei era riuscita a sottrarsi ma era stata picchiata con pugni in testa e in viso (con frattura del naso e molteplici lesioni, con una prognosi di 30 giorni) ed era stata presa per i capelli e strattonata violentemente davanti ai due figli. Poi l'arrivo delle volanti e l'arresto in flagranza su disposizione del pm Matteo Centini. L'uomo aveva anche insultato gli agenti.

Dalle indagini è emerso che l'uomo era solito ubriacarsi e poi diventare violento nei confronti della donna e dei figli vessandoli con continue umiliazioni e maltrattamenti sia fisici sia psicologici. Una condotta abituale che ha causato uno stato di avvilimento, paura e disagio psicofisico nella donna che lo aveva già denunciato in passato: l'uomo aveva già patteggiato tre anni per maltrattamenti. La fiducia nella magistratura e nelle forze dell'ordine ha spinto la vittima a chiedere nuovamente aiuto: l'uomo, scontata la pena era tornato a casa, ma non era cambiato. Il marito è difeso dall'avvocato Giovanflora Marifoglou. Il gip ha deciso, al termine degli accertamenti e l'arresto in flagranza, per misura di custodia cautelare in carcere. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

Torna su
IlPiacenza è in caricamento