Ubriaco fradicio devasta la chiesa di Biana: denunciato 19enne piacentino

Nella notte tra sabato 20 e domenica 21 febbraio il giovane ha divelto alcune tegole, danneggiato l'impianto elettrico, buttato un cartello stradale nel campanile e rovesciato i bidoni dell'immondizia nell'atrio della chiesa della frazione di Pontedellolio

L'ingresso della chiesa vandalizzata

Ne ha fatte di ogni il 19enne piacentino che si è "beccato" una denuncia per danneggiamento aggravato per aver deturpato la chiesa di Biana a Pontedellolio. Nella notte tra sabato 20 e domenica 21 febbraio si sarebbe infiltrato in una festa per un diciottesimo compleanno nella frazione di Pontedellolio, una volta ubriaco fradicio si sarebbe allontanato e in preda ai fumi dell'alcol avrebbe vandalizzato l'edificio. I carabinieri, avvertiti dal parroco Luigi Marchesi che il mattino seguente ha fatto l'amara scoperta, ci hanno messo ben poco a capire chi potesse essere il colpevole. Grazie al racconto dei ragazzi invitati al compleanno, i militari della stazione di Pontedellolio, hanno rintracciato l'autore dei vandalismi e lo hanno denunciato per danneggiamento aggravato. Il giovane piacentino ha divelto alcune tegole, infilato un cartello stradale nel campanile, ha chiuso con una corda la porta di ingresso della chiesa, ma non solo. Ha anche rovesciato i bidoni dell'immondizia davanti al portone e ha sparso nell'atrio alcune lattine di birra vuote e infine ha pesantemente danneggiato l'impianto elettrico strappando alcuni fili e danneggiando i quadri elettrici. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento