Ubriaco in auto abbatte un palo e dice ai poliziotti: «Pensate ai ladri, andate a lavorare»

«Andate a lavorare, i ladri fanno i furti, voi con me perdete tempo e non fate niente». E' con queste parole che un 22enne piacentino si è rivolto agli agenti della polizia stradale dopo aver abbattuto un palo della segnaletica stradale a Borgotrebbia

Immagine di repertorio

«Andate a lavorare, i ladri fanno i furti e voi con me perdete tempo e non fate niente». E' con queste parole che un 22enne piacentino si è rivolto agli agenti della polizia stradale dopo aver abbattuto un palo della segnaletica stradale. Il giovane nella tarda serata del 5 febbraio era a bordo della Fiat Punto dei genitori, quando ha perso il controllo ed è finito nella rotonda di via Trebbia a Borgotrebbia abbattendo un palo. Alcuni ragazzi di passaggio hanno chiamato prontamente la polizia e il 118 che in pochi minuti erano sul posto. Il giovane, solo a bordo, non era ferito ma in preda ai fumi dell'alcol avrebbe insultato pesantemente gli agenti dicendo loro, tra le altre cose, "di andare lavorare senza perdere tempo con lui che invece si spaccava la schiena tutta la settimana". Il giovane si è rifiutato di sottoporsi al test alcolemico e per questo gli è stata applicata la sanzione massima: è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza e ora rischia la sospensione o addirittura la revoca della patente, perché neopatentato, una multa da due a 9mila euro e da due a 8 mesi di arresto che potrebbero essere comminati in lavori socialmente utili. Il ragazzo molto agitato infine è stato portato in pronto soccorso e raggiunto dai genitori chiamati dai poliziotti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento