Undici giorni senza Elisa e Massimo: venerdì nuovo summit in prefettura

Questa sera a Borgotrebbia partirà una fiaccolata. Proseguono le indagini e le ricerche: I carabinieri del Ris stanno analizzando i video delle telecamere della ditta dove lavora Massimo, a pochi metri dalla sua abitazione di Campogrande

Massimo Sebastiani ed Elisa Pomarelli

Oggi è l’undicesimo giorno di ricerche di Massimo Sebastiani ed Elisa Pomarelli. Domani, venerdì 6 settembre, in Prefettura si riuniranno i vertici delle forze dell’ordine, Protezione civile e vigili del fuoco per far il punto sulle attività di indagine e di ricerca della coppia di amici. Intanto questa sera, giovedì 5 settembre alle 20, dalla casa dei genitori di Elisa a Borgotrebbia partirà una fiaccolata.

Dal campo base, sempre a Sariano di Gropparello, partiranno le squadre di volontari scortati dalle pattuglie armate dei carabinieri. Due giorni fa, martedì, ci si è concentrati nella campagna tra Carpaneto e Zena con la speranza di ritrovare Elisa: l’ipotesi, infatti, è che Massimo Sebastiani tra le 14 e le 14.47, ovvero l’uscita dal ristorante e il rifornimento al distributore TotalErg di Ciriano, possa aver fatto sparire proprio in questa zona la sua amica. Cosa sia successo in quei minuti e perché ancora non si sa. Al momento ci sono solo ipotesi come quella della difesa si Sebastiani, nella persona dell’avvocato Mauro Pontini, che nelle scorse ore aveva detto: «Non abbiamo elementi inconfutabili e incontrovertibili per ritenerla morta, per una sua rigida morale non possiamo escludere un rapimento per proteggerla da frequentazioni minacciose o da un ambiente, ritenuto da lui, ostile e dannoso».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ieri invece, mercoledì 4 settembre, i carabinieri del XIII reggimento provenienti da Gorizia, hanno bussato nelle case della zona tra Sariano e Veleia per ispezionare soprattutto quelle disabitate. Perché sì, Massimo potrebbe essere nascosto nel bosco, «è capace di vivere a lungo in questi posti» - è stato sempre detto da chi lo conosce – ma potrebbe essersi intrufolato anche in una di queste abitazioni o cascinali abbandonati. I carabinieri del Ris stanno analizzando i video delle telecamere di sorveglianza della ditta dove lavora Massimo, a pochi metri dalla sua abitazione di Campogrande: avrebbero ripreso la sua auto mentre entrava e usciva dal cortile, pare prima con lei, poi forse con solo lui a bordo. I fotogrammi sono nel mirino dei militari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento