Un drappo rosso contro la violenza alle donne al liceo Gioia

Da questa mattina, anche il Liceo Gioia di Piacenza espone un drappo rosso sulla sua austera facciata, per dire no alla violenza sulle donne

Da questa mattina, anche il Liceo Gioia di Piacenza espone un drappo rosso sulla sua austera facciata, per dire no alla violenza sulle donne. Un simbolo nato dal tam tam dei social media dopo il tragico omicidio della studentessa romana Sara Di Pietrantonio, il cui ex fidanzato è accusato di averla uccisa e data alle fiamme. L’invito, partito da un gruppo di donne, è quello di esporre alle finestre e ai balconi di tutte le case e palazzi un oggetto di colore rosso, che evochi il sangue versato dalle donne uccise dai loro uomini, o ex uomini, o corteggiatori rifiutati. Il collegio docenti del liceo di viale Risorgimento, nell’ultima riunione dell’anno scolastico, ha accolto all’unanimità la proposta della prof.ssa Volpe, che invitava la scuola a dare il proprio contributo in questo senso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

Torna su
IlPiacenza è in caricamento