Usb: «Quattro ore di sciopero, dalle 18 alle 22 di lunedì, per dare voce ai dipendenti Seta»

Il sindacato Usb: «La capienza dell’80% dei bus non evita il rischio di contagio»

In attesa della fumata bianca per la nomina del nuovo presidente di Seta, il 14 settembre è indetto un nuovo sciopero aziendale, «dopo che – commenta la sigla sindacale Usb - per l’ennesima volta, nell’incontro di conciliazione previsto con la Prefettura di Modena, non c’è stata la volontà di trovare un accordo per la risoluzione di tutti i punti della vertenza, specie per quelli per i quali ci battiamo da anni». «In Seta – prosegue Usb - ci sono sicuramente persone che per interessi personali girano lo sguardo dall’altra parte, ma la maggioranza dei dipendenti desiderano lavorare in una Azienda dove ci sia per tutti lo stesso trattamento economico/normativo, pari diritti e opportunità, una programmazione annuale del lavoro che permetta di far conciliare pienamente i tempi di vita; una normativa che permetta l’elaborazione di turni per il personale viaggiante più equi e meno disagiati; tempi di percorrenza calcolati in merito alla “velocità commerciale”  con la garanzia di adeguate soste cuscinetto ai capilinea; più sicurezza sotto ogni aspetto e non solo per l’emergenza da Covid-19. Si chiede troppo, oppure la normalità che forse si scontra con certe logiche aziendali? A fine giugno Seta ha presentato una bozza di accordo di secondo livello per i nuovi assunti, che contrariamente da quello che chiediamo, prevede un peggioramento delle condizioni di lavoro, flessibilità in deroga al CCNL e senza un minimo riscontro in termini economici!

Alle organizzazioni sindacali firmatarie, dal momento che hanno perso credibilità, chiediamo il passaggio dalla Rra alla Rsu, in quanto tutti i lavoratori democraticamente potranno decidere con il voto da chi farsi rappresentare, eleggendo anche i Rls. Condanniamo il silenzio delle istituzioni, alle quali sembra non interessare le regioni che stanno portando a scioperare i dipendenti di SETA in modo costante, ormai già da diversi anni. Se da una parte escono i soldi per gli abbonamenti gratuiti, dall’altra parte dicono che non ci sono i soldi per rinnovare i contratti e assicurare condizioni di lavoro più dignitose per gli operatori di esercizio e per il sevizio da erogare agli utenti!

Inoltre le misure antiCovid emanate per il trasporto pubblico (che prevedono il riempimento dei bus in misura dell’80% della capienza massima) non assicurano di evitare il rischio di contagio per i conducenti e per le persone trasportate. Inoltre sono insufficienti i mezzi e il personale che dovrebbe controllare e assistere nell’incarrozzamento alle fermate, dove le persone dovrebbero entrare e scendere in modo ordinato, uno per volta. Non basta poi sanificare i bus una volta al giorno dal momento che aumenta il carico. Si sciopera per i diritti dei lavoratori, per un servizio di trasporto pubblico che risponda alle esigenze della cittadinanza e che dovrebbe ritornare ad essere municipalizzato, per la sicurezza di tutti». Lo sciopero di 4 ore avverrà secondo le seguenti modalità:

servizio Urbano ed Extraurbano di Piacenza dalle 18 alle 22

Uffici e impianti fissi le ultime 4 ore del turno

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Piacenza usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta un sorpasso a velocità folle poi si ribalta e tenta di scappare a piedi: denunciato

  • Scandalo Levante, indagato il colonnello dell'Arma Corrado Scattaretico

  • San Polo, camion di pomodori si ribalta e perde tutto il carico

  • Rissa al Tuxedo, parla il gruppo dei campani: «Noi offesi, minacciati e insultati»

  • Diventano parenti al matrimonio e poi si picchiano al bar: due feriti e una denuncia

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento