menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vaccino, per ora non lo vuole fare il 20% dei sanitari (e anche 31 anziani delle Cra)

Copertura dell’80% tra gli operatori sanitari. Baldino: «Stiamo facendo forti pressioni». Varianti del Covid: cinque casi sospetti di quella inglese sottoposti ad accertamenti

Quanti operatori sanitari si sono rifiutati di sottoporsi alle dosi del vaccino anti Covid? Il 20 per cento di tutti gli operatori (ovvero compresi anche quelli delle strutture private e delle case di riposo) del territorio Piacentino. Il dato lo fornisce il direttore generale Ausl Luca Baldino. Si tratta di una platea di 500 operatori che nella prima fase a loro dedicata ha scelto di non avvalersi della possibilità (ma può farlo anche in futuro).

I sanitari sono stati i primi a sottoporsi nel Paese alla somministrazione delle dosi Pfizer-Biontech, prima dell’arrivo di Moderna e AstraZeneca. Tra loro, probabilmente, tanti timorosi che preferiscono aspettare. Inevitabile pensare anche a qualche operatore scettico nei confronti dell’efficacia del vaccino. «Stiamo facendo forti pressioni per aumentare questa copertura», precisa Baldino. Nelle case di riposo rimangono 31 gli anziani che non hanno acconsentito alla somministrazione del vaccino, un dato basso rispetto ai 1800 già coinvolti dalle vaccinazioni.

Sono stati segnalati presunti casi di varianti al Covid nel nostro territorio? L’Ausl fa sapere che sono state segnalate dodici situazioni sospette. Di queste, cinque potrebbero essere casi di variante inglese del coronavirus. «Stiamo aspettando i risultati degli accertamenti», conclude il direttore generale Baldino.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Usb: «Non saremo con i Si Cobas davanti alla Cgil»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento