Vallate strette nella morsa del maltempo: blackout e strade bloccate. Allerta rossa della Protezione Civile

In Alta Valnure, Valtrebbia, Valdaveto e anche in Valdarda enormi i disagi che hanno costretto decine di vigili del fuoco a un lavoro senza sosta insieme alla Protezione Civile e alle forze dell'ordine. Allerta rossa per il rapido innalzamento del Trebbia, del Nure e dell'Aveto

I vigili del fuoco al lavoro

Le zone montane del Piacentino sono strette nella morsa del gelo da domenica. In Alta Valnure, Valtrebbia, Valdaveto e anche in Valdarda enormi i disagi che hanno costretto decine di vigili del fuoco a un lavoro senza sosta, centinaia le chiamate arrivate al centralino del 115. In campo, per decine di tronchi e rami caduti sulle carreggiate che di fatto hanno interrotto la circolazione, per cartelli e pali pericolanti, per interi tratti di strade completamente ghiacciati, per soccorrere le tante persone che si sono trovate bloccate nelle proprie auto o abitazioni, tutte le caserme dei pompieri che hanno inviato sul posto ogni squadra disponibile (sono stati anche richiamati quelli a riposo).

Insieme alla Protezione Civile, ai tecnici della Provincia (anche la polizia provinciale) e quelli comunali con i rispettivi sindaci dei comuni coinvolti, i carabinieri, i carabinieri forestiali, la polizia stradale e quella municipale, e il personale di Anas, stanno fronteggiando una vera e propria emergenza che ha provocato enormi disagi alla circolazione e blackout durati anche ore. In campo 24 ore su 24 diverse squadre di Enel: i rami e i tronchi, appesantiti dal ghiaccio e dalla neve hanno colpito i tralicci interrompendo la linea. A rendere tutto più difficoltoso le forti raffiche di vento che nelle zone più alte si sono trasformate in vere e proprie tormente. 

Le situazioni più critiche si rilevano lungo la Statale 45, sulle Strade provinciali di Valnure, Valdaveto, Bedonia e Mercatello nel comune di Ferriere, nonché lungo le strade provinciali ricadenti sul territorio dei Comuni di Morfasso e Vernasca. Nelle zone collinari si segnalano alcune criticità lungo le strade provinciali del Bagnolo, del Cerro, di Bobbiano e di Caldarola. 

Il presidente della Provincia Francesco Rolleri ha lanciato un appello ai piacentini: "Se possibile, rimanete a casa in queste ore". Attualmente (ORE 19) sono chiuse le seguenti strade provinciali: 

S.P. COLLERINO A MORFASSO

S.P. DEL BAGNOLO A VIGOLZONE-RIVERGARO

S.P. VALDARDA A VERNASCA-MORFASSO

S.P. DI PADRI A BETTOLA

S.P. VAL CHERO A MORFASSO

S.P. DI MASSARA A BETTOLA

S.P. DI BEDONIA A FARINI

S.P DI MONECARI A FARINI

S.P. DI PRATO BARBIERI A BETTOLA-MORFASSO

S.P. DI BOBBIANO A TRAVO

S.P. DI BORLA A VERNASCA

S.P. DI CALDAROLA A BOBBIO-PIOZZANO-PIANELLO

S.P. BIS STADERA A CAMINATA-NIBBIANO 

S.P. DI PECORARA A PECORARA

S.P. DI COSTALTA A PECORARA

S.P. DEL CERRO A BETTOLA E COLI

ALLERTA ROSSA - La Protezione Civile ha anche comunicato che il fiume Aveto è sotto osservazione per l'innalzamento del livello idrometrico al di sopra della soglia 2 a Salsominore. Si stanno alzando velocemente anche i livelli del Trebbia e del Nure: diramata un'allerta rossa per criticità idrogeologica per le vallate dove sono previste piogge molto elevate superiori a 70 mm e valori puntuali fino a 200 mm nelle 24 ore. 

ANPAS E 118 - Il coordinatore provinciale di Anpas Piacenza e responsabile regionale della Protezione Civile di Anpas Emilia Romagna Paolo Rebecchi, dopo consulto con il coordinatore 118 di Piacenza, Stefano Nani, ha attivato tutte le 14 sedi presenti nella provincia di Piacenza per garantire un’assistenza potenziata dei mezzi di soccorso. La situazione pare decisamente critica in ottica di eventuali percorrenze in emergenza in alcune aree montane. Sono in corso consultazioni telefoniche per confermare la praticabilità di alcune strade. A breve si valuterà se mandare mezzi e risorse Anpas in Alta Valnure e Alta Valtrebbia. In serata il Coordinatore dovrebbe raggiungere le sedi della Pubblica Assistenza Valtrebbia di Travo e successivamente quella di Ferriere per valutare l’invio di mezzi quattro per quattro.  Rebecchi ha dichiarato: «Siamo in contatto con il 118 che ci ha chiesto di potenziare il servizio specie in provincia. Effettueremo dei sopralluoghi entro la serata dell'11 dicembre per capire l’idoneità di mezzi atti ad operare su sfondi estremi anche in nottata in cui presumibilmente le temperature potrebbero abbassarsi».

CROCE ROSSA - Operative, con mezzi pronti a intervenire e personale in allerta, tutte le postazioni della Croce rossa di Piacenza in provincia, soprattutto nelle zone montane. Su richiesta della Prefettura di Piacenza e del 118, in seguito all'allerta meteo, stanotte le postazioni di Croce Rossa Italiana - Comitato di Piacenza, rimarranno operative per tutti i servizi di emergenza. In particolare saranno operative le sedi di San Nicolò, Pianello, Cadeo, Podenzano, Ottone, Farini, Agazzano e Marsaglia nonche il potenziamento della sede di Piacenza. Sarà disponibile anche personale con mezzi4x4 per supporto alle varie postazioni.

ENEL - Sono a lavoro da questa mattina tecnici e operai di e-distribuzione, la società del gruppo Enel che gestisce le reti elettriche di media e bassa tensione, coadiuvati dalle imprese appaltatrici, per fronteggiare le conseguenze dell'ondata di maltempo, che ha colpito principalmente le province di Piacenza, Reggio Emilia, Parma provocando disservizi e disagi per la clientela. Le squadre dell’azienda energetica stanno intervenendo, in molti casi in condizioni impervie e di difficile viabilità, per riparare i danni alla rete elettrica causati principalmente dalla neve ghiacciata che ha provocato la caduta di alberi ad alto fusto situati al di fuori della fascia di rispetto delle distanze dalla linea elettrica. Nel dettaglio, le squadre di e-distribuzione stanno effettuando interventi nei comuni di Ferriere, Farini, Bettola, Vernasca, Lugagnano Val d’Arda, Bobbio, Gropparello) e prevedono, laddove possibile, di installare gruppi elettrogeni. Per le Province di Parma e Piacenza persistono grosse difficoltà di viabilità. Di conseguenza la rialimentazione delle utenze è condizionata dai tempi di ripristino della stessa (le difficoltà sono puntualmente segnalate alle Prefetture interessate per coordinare gli interventi). Persistono inoltre difficoltà legate al forte vento che raggiunge i 100 km/h rendendo impossibile in alcuni casi gli interventi delle squadre. Le attività proseguiranno comunque senza interruzione fino al ripristino del servizio.

E-distribuzione ricorda che per la segnalazione del guasti è necessario contattare il numero verde 803.500.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento