menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Cossiga che scende dal pendolino dilaniato

Cossiga che scende dal pendolino dilaniato

Vent'anni fa la tragedia del Pendolino, Piacenza non dimentica

Il 12 gennaio 2017 ricorre il 20esimo anniversario del deragliamento del pendolino che ha provocato la morte di 8 persone e 36 feriti. Piacenza ricorderà, come ogni anno, quella tragedia che l'ha colpita nel profondo

Il 12 gennaio 2017 ricorre il 20esimo anniversario della tragedia del Pendolino Etr 460 che deragliò a Piacenza provocando 8 morti e 36 feriti. Il convoglio in servizio sulla tratta Milano-Roma come treno numero 9415, partì alle 12:55 dalla stazione di Milano Centrale con 167 passeggeri a bordo e alle ore 13:10 fu costretto ad una sosta tecnica per il bloccaggio di una porta guasta, ma riprese la corsa poco dopo. Alle 13:26 nell'imboccare la curva di ingresso della Stazione di Piacenza, a circa 400 metri dall'asse del fabbricato viaggiatori, la carrozza di testa si ribaltò, colpendo poi alcuni pali di sostegno della linea aerea e spezzandosi in due. Delle carrozze successive, 6 furono trascinate nel deragliamento e solo le ultime due rimasero sul binario. Morirono i due macchinisti in servizio, due agenti della Polfer, due hostess e due viaggiatrici. A bordo del treno si trovava anche il senatore a vita Francesco Cossiga, ex presidente della Repubblica, che uscì illeso. Trentasei i feriti. 

Nella giornata di domani Piacenza ricorderà, come ogni anno, quella tragedia che l'ha colpita nel profondo. Alle 10.35 è previsto il ritrovo presso la sede del dopolavoro ferroviario, dove alle 10.45 sarà celebrata la santa messa in ricordo di Pasquale Sorbo, Gaetano Morgese, Agatina Carbonara, Lorella Santone, Cinzia Assetta, Francesco Ardito, Lidio De Santis e Carmela Landi. A seguire, nei pressi della stele commemorativa, il sindaco Paolo Dosi e le autorità cittadine tributeranno con i loro interventi l’omaggio a coloro che persero la vita nel deragliamento dell’Etr 460.

A loro sarà dedicato, nell’ambito della rassegna “Ricorrenze in Musica”, anche il concerto organizzato dalla Fondazione Teatri di Piacenza e dall’Amministrazione comunale che vedrà protagonista, sabato 14 gennaio alle 21 al Teatro Municipale, il cantautore Eugenio Finardi e l’Orchestra del Conservatorio Nicolini diretta da Camillo Mozzoni. Il rocker milanese sarà narratore di “Pierino e il Lupo” e commenterà “Il Carnevale degli Animali”, per concludere la serata con alcuni dei suoi brani più celebri. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento